Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara: in arrivo i pagamenti per il fermo pesca

Pescara: in arrivo i pagamenti per il fermo pesca

“Come anticipato nei giorni scorsi abbiamo mantenuto i nostri impegni e stiamo procedendo alla liquidazione e pagamento del fermo tecnico supplementare alle imprese del porto di Pescara sottoposte alla cessione temporanea dell’attivita’”. Ad annunciarlo e’ l’assessore alla Pesca, Mauro Febbo. “Gli uffici della Direzione Pesca – continua Febbo – che voglio ringraziare pubblicamente per l’impegno e la professionalita’ con i quali hanno operato soprattutto per questa vicenda, hanno provveduto ad inviare al Bilancio, che provvedera’ a emettere i bonifici, l’elenco delle 30 imprese beneficiarie dei contributi. Per altre 15 sara’ necessario attendere l’espletamento delle procedure relative alla regolarita’ contributiva (presentazione del Durc). Ci tengo a sottolineare l’importanza di questo passaggio a dimostrazione del buon lavoro che la Regione sta portando avanti, per mettere in campo tutti gli interventi possibili a sostegno di coloro stanno subendo le pesanti conseguenze di una situazione estremamente difficile come quella che riguarda lo scalo portuale di Pescara. L’impegno relativo al pagamento della prima tranche del Fermo regionale e’ stato quindi mantenuto. Ora – spiega Febbo – ci sono altri due passaggi da espletare: il primo, con il pagamento del Fermo nazionale da parte del Ministero, che dovrebbe avvenire entro il 15 dicembre. Il secondo, per il pagamento dei due mesi di Fermo supplementari reso possibile grazie al protocollo d’intesa tra Regione, Camera di Commercio, Comune e Provincia di Pescara, si concretizzera’ in due tranche mensili a novembre e dicembre. Inoltre – sottolinea l’assessore – continueremo a lavorare anche per centrare un altro obiettivo che riguarda l’attivazione del Bando Fep (Fondo europeo per la Pesca) destinato all’ammodernamento e che rappresenta un’altra preziosa forma di sostegno alle imprese della pesca, in attesa che risolva speriamo definitivamente la vicenda ‘kafkiana’ del dragaggio del Porto di Pescara”.   “Come anticipato nei giorni scorsi abbiamo mantenuto i nostri impegni e stiamo procedendo alla liquidazione e pagamento del fermo tecnico supplementare alle imprese del porto di Pescara sottoposte alla cessione temporanea dell’attivita’”. Ad annunciarlo e’ l’assessore alla Pesca, Mauro Febbo. “Gli uffici della Direzione Pesca – continua Febbo – che voglio ringraziare pubblicamente per l’impegno e la professionalita’ con i quali hanno operato soprattutto per questa vicenda, hanno provveduto ad inviare al Bilancio, che provvedera’ a emettere i bonifici, l’elenco delle 30 imprese beneficiarie dei contributi. Per altre 15 sara’ necessario attendere l’espletamento delle procedure relative alla regolarita’ contributiva (presentazione del Durc). Ci tengo a sottolineare l’importanza di questo passaggio a dimostrazione del buon lavoro che la Regione sta portando avanti, per mettere in campo tutti gli interventi possibili a sostegno di coloro stanno subendo le pesanti conseguenze di una situazione estremamente difficile come quella che riguarda lo scalo portuale di Pescara. L’impegno relativo al pagamento della prima tranche del Fermo regionale e’ stato quindi mantenuto. Ora – spiega Febbo – ci sono altri due passaggi da espletare: il primo, con il pagamento del Fermo nazionale da parte del Ministero, che dovrebbe avvenire entro il 15 dicembre. Il secondo, per il pagamento dei due mesi di Fermo supplementari reso possibile grazie al protocollo d’intesa tra Regione, Camera di Commercio, Comune e Provincia di Pescara, si concretizzera’ in due tranche mensili a novembre e dicembre. Inoltre – sottolinea l’assessore – continueremo a lavorare anche per centrare un altro obiettivo che riguarda l’attivazione del Bando Fep (Fondo europeo per la Pesca) destinato all’ammodernamento e che rappresenta un’altra preziosa forma di sostegno alle imprese della pesca, in attesa che risolva speriamo definitivamente la vicenda ‘kafkiana’ del dragaggio del Porto di Pescara”.

Print Friendly, PDF & Email