Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Il Comune istituisce uno sportello su microcredito e autoimpiego

Pescara. Il Comune istituisce uno sportello su microcredito e autoimpiego

Apre giovedì lo sportello comunale su microcredito e auto impiego. L’assessore Di Pietro: “Così aiutiamo i giovani e chi cerca lavoro a reperire informazioni e a fare rete”

Da giovedì 21 gennaio prossimo sarà operativo lo sportello comunale dedicato al microcredito. Si tratta di un servizio che promuove microcredito e l’autoimpiego e lo fa informando, supportando e guidando il cittadino all’utilizzo degli strumenti attivi sul territorio. Lo sportello comincerà a funzionare giovedì presso l’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (U.R.P.) del Comune di Pescara, in P.zza Duca D’Aosta 15 (Palazzo Ex Inps), dove sarà fruibile il martedì e il giovedì dalle ore 9 alle ore 12.

“Il Progetto “Micro-work: fare rete per il microcredito e l’occupazione”, implementato dall’Ente Nazionale per il Microcredito in accordo con il Ministero del lavoro e finanziato a valere sui due PON FSE 2007-2013, nasce con la finalità di contribuire al rafforzamento del microcredito quale strumento di politica attiva del lavoro – illustra l’assessore all’URP Laura Di Pietro – Lo scopo del progetto è ampliare la rete degli Sportelli informativi sul microcredito e l’autoimpiego già attivati dall’ENM nelle regioni del Mezzogiorno, espandendola nelle Regioni del Centro Nord. Per riuscirci si avvale di una piattaforma di servizio “retemicrocredito.it” appositamente creata dall’Ente che consente di fornire informazioni sui programmi di microcredito e gli incentivi all’autoimpiego attivi nei diversi territori; raccogliere dati sulle consulenze erogate e sulle caratteristiche degli utenti (età, sesso, titolo di studio, condizione occupazionale, tipologia di impresa che intende creare, ecc.); fissare appuntamenti per gli utenti presso i soggetti/enti che erogano microcredito; auto aggiornarsi (grazie alla formazione a distanza disponibile sulla piattaforma). La piattaforma, dunque, è a tutti gli effetti lo strumento di lavoro degli operatori di sportello ed è costituita da varie sezioni per la conduzione e gestione del lavoro informativo nei confronti dell’utenza. E’ connessa alla homepage del progetto e ospita i vari numeri della newsletter del progetto.
Si tratta di un passaggio importante, perché il microcredito è a tutti gli effetti uno strumento di “lotta” alla povertà e all’esclusione finanziaria, perché prevede la concessione di piccoli prestiti destinati a persone che non possono accedere al sistema bancario tradizionale in quanto sfornite delle garanzie reddituali sufficienti per ottenere il classico prestito personale”.

CHI PUO’ ACCEDERE AL MICROCREDITO. Stando alla Commissione Europea, il microcredito prevede un ammontare medio erogato di circa €10.000 fino ad un massimo di €25.000. Nello specifico, il microcredito per imprese non può superare il tetto massimo di €25.000; quello sociale, invece, ha un massimale di 10.000€.
La domanda del microcredito deve essere accompagnata da una motivazione; può essere concesso, infatti, per:
– avviare o consolidare una microimpresa in grado di produrre reddito. In questo caso la motivazione potrebbe essere: acquisto macchinari, attrezzature, materiali, ecc.;
– sanare una situazione di difficoltà economica temporanea. In questo caso chi richiede il microcredito deve trovarsi in una situazione di emergenza economica con imminenti scadenze di pagamento.
Chi effettua la richiesta di accesso al microcredito non deve necessariamente dare garanzie economiche per la concessione del finanziamento. Le garanzie richieste, infatti, sono esclusivamente personali, ossia garanzie che possano valorizzare il senso di responsabilità e di fiducia reciproca tra chi riceve il denaro (microcredito) e chi lo eroga (creditore). Il beneficiario che intende accedere al microcredito per consolidare o avviare una microimpresa dovrà presentare il progetto imprenditoriale (business plan), dimostrando la fattibilità e sostenibilità dello stesso nel tempo, ossia la sua capacità di produrre abbastanza reddito per garantire l’autosostentamento e per restituire il prestito erogato attraverso il microcredito.

Print Friendly, PDF & Email