Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara, Fondo Sociale Europeo: il punto sulle attività

Pescara, Fondo Sociale Europeo: il punto sulle attività

Domani, alle ore 18, nella sala “Auditorium Petruzzi” in via delle Caserme, a Pescara, si svolgera’ l’evento annuale promosso dall’assessore provinciale al Lavoro e Formazione Antonio Martorella, per informare sulle attivita’ adottate e finanziate con i fondi europei 2009-2010-2011 nell’anno solare 2012. Con l’occasione saranno presentate le prime proposte operative per il 2013. All’incontro sono stati invitati i destinatari delle misure adottate e realizzate in questo anno solare: giovani avviati al lavoro con i tirocini formativi, disoccupati che hanno frequentato corsi di formazione per l’ottenimento di una qualifica professionale, imprese che hanno organizzato percorsi formativi per l’aggiornamento di dipendenti, universitari beneficiari del Voucher Alta Formazione: 104 giovani (73 donne e 51 uomini) che riceveranno dalla Provincia un contributo che va dai 450,00 (specializzazione nella citta’ di residenza) ai 10.900,00 euro, come nel caso di un periodo di studio trascorso all’estero. A loro in particolare l’assessore consegnera’ una grande assegno simbolico con l’intento di sottolineare lo spirito di dedizione che ha spinto molti di loro, pur appartenenti a fasce di reddito basso, a frequentare corsi di studi specialistici fuori regione. E’ la logica della valorizzazione dell’alta formazione voluta dal Fondo Sociale Europeo, che rivolge appunto una misura specifica al contrasto di ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro, facendo altresi’ emergere il valore del merito e dell’alta formazione. Interverranno inoltre altri “testimonial” delle attivita’ svolte dalla Provincia: beneficiari di misure che hanno portato all’ottenimento di un posto di lavoro a tempo indeterminato o al conseguimento di una qualifica che ha facilitato il loro primo inserimento nel mercato del lavoro, o che ha permesso il loro reinserimento in un mercato da cui erano stati espulsi a causa della crisi.

Print Friendly, PDF & Email