Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Fondo di Solidarietà Comunale, mancata previsione risorse in bilancio: polemiche su possibile “buco”

Pescara. Fondo di Solidarietà Comunale, mancata previsione risorse in bilancio: polemiche su possibile “buco”

Monta la polemica, nei banchi dell’opposizione al comune di Pescara, dopo la scoperta della mancata previsione nel bilancio (di previsione) delle risorse per sostenere il Fondo di Solidarieta’ Comunale. La somma mancante e’ pari a 4.351.903,65, sottolineano i consiglieri del Pd che compongono la commissione Finanze, Camillo D’Angelo, Enzo Del Vecchio e Moreno Di Pietrantonio, e c’e’ il pericolo che si crei “un buco milionario nelle casse comunali che i cittadini saranno chiamati a coprire”. I tre parlano del rischio “di mandare le casse dell’ente in rosso prima ancora di approvare il bilancio di previsione“. I lavori del Consiglio che questa mattina ha dovuto affrontare la questione sono stati sospesi, oggi si terra’ un incontro che vedra’ la partecipazione degli esponenti politici di maggioranza ed opposizione e dei dirigenti ed il Collegio dei Revisori e domani riprendera’ il confronto in aula. Nel frattempo il Pd fa notare che si tratta di “un allarme per niente nuovo visto che l’opposizione e qualche settore della maggioranza denunciano questa situazione da moltissimi mesi ma che il sindaco Mascia e la sua compagnie di governo hanno sempre e volontariamente ignorato”. Critici anche i consiglieri di Fli. Il capogruppo Massimiliano Pignoli, con i consiglieri Giuseppe Bruno, Renato Ranieri e Daniela Arcieri Mastromattei denunciano che questo “buco di bilancio enorme (legato al fondo di solidarieta’) era noto alla giunta gia’ da diversi mesi ma non si e’ fatto nulla per mettere riparo ad una situazione di bilancio gravissima che vedeva gia’ in partenza un deficit di 8 milioni. Questo e’ il risultato di una gestione dissennata e oggi la Giunta Mascia e’ di fronte ad un bivio – prosegue Fli: provare ad approvare un Bilancio con un disavanzo cosi’ grande oppure aumentare la tasse, non potendo tagliare ulteriormente le spese. Tagliare 4 milioni e’ impresa titanica, per cui non resterebbe che far pagare ai cittadini pescaresi, decidendo di aumentare ancora le tasse. Ma per l’adeguamento delle aliquote, la legge prevede la scadenza del 30 novembre, e cioe’ domani”. Oggi si e’ inserito nella polemica anche il consigliere Fausto Di Nisio primo firmatario di un ordine del giorno, da votare domani, con cui si chiede al sindaco di contribuire alla risoluzione della questione tagliando la propria indennita’ del 50 per cento (con decorrenza dal primo novembre e fino alla scadenza del mandato).

Print Friendly, PDF & Email