Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara, fiume: predisposto piano in caso di esondazione

Pescara, fiume: predisposto piano in caso di esondazione

Condividiamo e ben conosciamo le preoccupazioni espresse dal Capo della Protezione civile nazionale Gabrielli circa il rischio concreto di esondazione del fiume Pescara in caso di pioggia intensa o di una piena. Per tale ragione, mentre il sindaco Albore Mascia è impegnato affinchè si riesca una buona volta a dragare il fiume, la stessa Protezione civile comunale sta adottando alcune misure tese a mitigare e limitare i danni nel caso dovesse accadere il peggio”. Lo ha detto l’assessore alla Protezione civile Berardino Fiorilli in riferimento all’allarme lanciato oggi dal Capo della Protezione civile Gabrielli.

“ L’amministrazione comunale ha già predisposto un Piano anti-esondazione, individuando 15 eventuali punti di criticità lungo l’intero corso del fiume, con particolare attenzione alla parte più a valle dove ci sono insediamenti residenziali e attività commerciali di notevole richiamo, come nel centro storico, zone che, in caso di allerta, dovranno essere subito attenzionate, sapendo a priori chi fa cosa, ossia quali Enti e quali soggetti sono incaricati di attuare interventi di tutela dei cittadini che rappresentano la nostra priorità.
Intanto – ha proseguito l’assessore Fiorilli – una delle prime misure è l’installazione, ormai imminente, in città di sirene d’allarme, che dovranno essere attivate quale misura di preallerta per la popolazione.   Ovviamente queste sono le misure a immediata scadenza; per le soluzioni a lunga scadenza abbiamo già previsto la realizzazione e installazione di porte automatiche mobili a chiusura stagna da sistemare, ad esempio, nel varco che dal parcheggio della golena sud porta direttamente in via delle Caserme, in via Orazio, o a ridosso del ponte Capacchietti, senza dimenticare il progetto già in itinere di rifacimento degli argini, collegato alla costruzione del Ponte ex Camuzzi.
E l’amministrazione sta già realizzando un vademecum da distribuire a cittadini e attività per indicare le misure minime di prevenzione da seguire in caso di un’esondazione. E’ comunque evidente che Pescara si sta preparando ad affrontare eventuali emergenze, mentre la soluzione effettiva, concreta e immediata al problema, sarebbe il dragaggio del porto canale stesso”.

Print Friendly, PDF & Email