Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara: entro 10 giorni nuova pista ciclabile su riviera sud

Pescara: entro 10 giorni nuova pista ciclabile su riviera sud

“Verrà completato entro dieci giorni al massimo il nuovo tratto di pista ciclabile in corso di realizzazione lungo la riviera sud di Pescara, una pista a doppia corsia di marcia, per 500 metri ciascuna, che collegheranno direttamente la pista del ponte del mare con quella che attualmente inizia all’incrocio tra il lungomare Papa Giovanni XXIII e viale Vespucci e prosegue sino a viale Pepe, lungo il tratto di riviera già riqualificato. L’investimento previsto è pari a circa 10mila euro e il percorso correrà sul marciapiede posto ai due lati dell’aiuola spartitraffico. In questo modo per l’inizio dell’estate avremo dotato quasi l’intera riviera di Pescara, dal confine con Montesilvano, sino a viale Pepe, a sud, di una rete interamente ciclabile, per consentire ai cittadini di muoversi lungo la spiaggia sulle due ruote, lasciando a casa l’auto”. Lo ha detto l’assessore alla Mobilità Berardino Fiorilli nel corso della conferenza stampa convocata per ufficializzare l’apertura odierna del cantiere.
“Per l’estate 2012 – ha sottolineato l’assessore Fiorilli – c’eravamo dati un obiettivo, agevolare quanto più possibile la mobilità ciclabile, creando le condizioni per permettere agli utenti del litorale e delle nostre spiagge di muoversi quanto più possibile esclusivamente in bici, evitando il disagio dei parcheggi per le auto e di ritrovarsi imbottigliati nel traffico sotto il sole a picco. Abbiamo studiato con i nostri uffici tecnici le possibili soluzioni, tenendo conto anche dell’eventuale individuazione di opere temporanee, ma comunque pienamente fruibili in assoluta sicurezza. Appena la scorsa settimana abbiamo ufficialmente consegnato alla città un tratto lunghissimo di pista ciclabile sulla riviera nord, realizzata in modo definitivo dalla Rotonda Paolucci sino all’altezza dello stabilimento balneare ‘Baya Papaya’ con una pista dall’andamento sinuoso, indicata a terra con l’uso degli ‘occhi di gatto’ ossia luci a led per renderla visibile anche di notte, e poi quella pista prosegue in una veste temporanea sino al confine con Montesilvano con un semplice rettilineo indicato a terra dalla semplice vernice gialla, soluzione momentanea ma di enorme utilità per la bella stagione. Oggi abbiamo aperto il secondo cantiere a Pescara sud, sul lungomare di Porta Nuova dove, con un investimento di appena 10mila euro, stiamo realizzando il tratto di pista ciclabile compreso tra il ponte del mare e l’incrocio del lungomare con viale Vespucci, dove comincia la pista definitiva già completata nel tratto di litorale già riqualificato, compreso tra la rotatoria di via Vespucci e quella di viale Pepe, dove peraltro sono in corso i lavori di costruzione della Fontana ‘Meridiana’. Complessivamente parliamo di 1 chilometro di pista ciclabile, diviso in due corsie di marcia di 500 metri l’uno, individuate lungo i marciapiedi posti ai due lati dell’aiuola spartitraffico, senza costringerci a rinunciare ai parcheggi auto: sulla corsia lato monte si seguirà la direzione di marcia sud-nord, sulla corsia lato mare sarà istituita la direzione di marcia nord-sud. I lavori sono cominciati stamane – ha proseguito l’assessore Fiorilli – con la scarifica dei marciapiedi e il rifacimento della pavimentazione in asfalto. Tali operazioni dovrebbero andare avanti per tre o quattro giorni; quindi procederemo con la realizzazione della segnaletica ciclabile, per segnalare la destinazione di quelle due corsie e la relativa direzione di marcia. Ovviamente l’opera è temporanea, visto che tale tratto di lungomare, tra il ponte ciclopedonale e via Vespucci, rientra all’interno del Piano particolareggiato 2, presentato ieri, che prevede la realizzazione di un’infrastruttura ben più articolata, collegata anche agli argini del fiume, ma la realtà è che oggi Pescara per la prima volta ha un’unica rete ciclabile complessa che, partendo da Porta Nuova, si ricollega direttamente alla riviera di Montesilvano, dando una risposta concreta al ‘popolo delle due ruote’ e uno strumento per ridurre i volumi di traffico sul litorale in estate”.

Print Friendly, PDF & Email