Ultime Notizie
HomeNews AncePescara, crollano le palazzine di via Lago Borgiano: la risorsa degli immobili invenduti

Pescara, crollano le palazzine di via Lago Borgiano: la risorsa degli immobili invenduti

Dopo una riunione dell’Ater sull’inidoneità statica di tre palazzine di via Lago di Borgiano, nel quartiere Rancitelli, il sindaco di Pescara Marco Alessandrini ha sottoscritto un’ordinanza urgente di sgombero per la tutela di pubblica incolumità degli occupanti dei civici 14, 18 e 22: circa 70 famiglie.
La comunicazione dell’Ater, che è proprietaria delle palazzine, fa seguito alle segnalazioni e alla perizia di verifica disposta all’indomani del terremoto dell’ottobre 2016, perizia affidata alla Labortec che, a quanto pare, aveva rilevato e certificato l’inidoneità statica degli edifici: comunque è stata disposta una ulteriore verifica per valutare i danni conseguiti alle sollecitazioni sismiche.
Il provvedimento del sindaco è stato firmato dopo una riunione cui hanno partecipato anche il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, il vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli, gli assessori a Edilizia e Politiche Sociali Loredana Scotolati e Antonella Allegrino, la Polizia Municipale, il comandante dei Vigili del Fuoco Vincenzo Palano, il direttore del settore tecnico Tommaso Vespasiano e il dirigente delle Politiche della Casa Pierpaolo Pescara.
L’atto ordina all’Ater lo sgombero delle palazzine ed è stata disposta l’apertura del Coc per fornire assistenza alla popolazione.
Questa mattina ci sarà in Prefettura una riunione per la logistica e la predisposizione della sistemazione delle famiglie ed è previsto un incontro con gli assegnatari degli alloggi e nonché un servizio di trasporto per accompagnare gli occupanti presso le sistemazioni di prima accoglienza.
Per gli occupanti degli alloggi probabilmente si profilerà la possibilità di assegnazione degli alloggi invenduti di Pescara che potrebbero essere “riscattati” mettendo in gioco i fondi destinati alle emergenze abitative nate da calamità naturali.
Il pagamento del Cas – autonoma sistemazione, infatti, potrebbe essere gestito per una forma di acquisto/affitto sugli immobili invenduti.

 

Print Friendly, PDF & Email