Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara calcio, scontro con il comune per mancati pagamenti

Pescara calcio, scontro con il comune per mancati pagamenti

La rabbia del presidente Sebastiani. Non le manda certo a dire il numero uno del Pescara, furioso per il contenzioso con l’amministrazione comunale della città abruzzese, che accusa la società di mancati pagamenti per l’affitto dell’impianto di gioco e dei magazzini dello Stadio Adriatico. “Se diamo fastidio a qualcuno – ha tuonato il presidente – io sono pronto a portare via la squadra da Pescara. Ho incontrato un sindaco di una città vicina che si è mostrato entusiasta di ospitare le nostre gare di serie A”.

Sebastiani ci ha tenuto a precisare la questione degli arretrati dovuti al comune: “Il Pescara utilizza solo e soltanto un vecchio magazzino storico dello stadio – la spiegazione -. Non so a quanto ammonti il canone, forse a 300 euro e dunque a 3 mila euro all’anno. Stiamo parlando di una cifra irrisoria. Io non credo che il problema vero sia questo, senza contare che abbiamo svolto lavori all’Adriatico a nostre spese. Io non voglio continuare una polemica del genere, ma sono molto arrabbiato e deciso ad andare fino in fondo”.

Intanto però il consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere al sindaco Luigi Albore Mascia di ridiscutere i rapporti con la società di calcio. “Vogliamo che la società adempia a quanto richiesto e disposto dagli uffici comunali”, ha intimato il consigliere dell’Italia dei Valori Fausto Di Nisio. Una querelle di cui la squadra, già in difficoltà in campionato, non sembrava proprio aver bisogno.
Da Il Sole24ore

Print Friendly, PDF & Email