Ultime Notizie
HomeNews AncePescara. Ance, Sciarra sugli sfollati Ater: l’affitto – acquisto degli immobili invenduti è una scelta di politica economica

Pescara. Ance, Sciarra sugli sfollati Ater: l’affitto – acquisto degli immobili invenduti è una scelta di politica economica

La situazione di emergenza delle 3 palazzine Ater di via Lago di Borgiano deve essere gestita con una vision economica e sociale.

Ci vuole dunque una strategia pubblica.

L’Ance, quale figura sociale istituzionalmente costituita da addetti ai lavori, suggerisce di lavorare sulla tipologia
“affitto” così come ci esorta anche l’ultima legge sull’emergenza abitativa: favorire l’affitto per comprare
l’invenduto con agevolazioni fiscali a chi affitta, ed erogazione di mutui agevolati a chi compra.
In pratica la fattispecie del “rent to buy”.
In soldoni il percorso che l’ANCE PESCARA vede è il seguente:
bando pubblico per reperire dai Costruttori appartamenti nuovi ed invenduti almeno di Classe B, siti a Pescara comune o nei Comuni limitrofi: sono circa 300 gli immobili invenduti nella provincia, un dato
approssimativo che però è un parametro
convenzione per la locazione degli immobili reperiti con opzione di acquisto a 36 mesi a prezzo predeterminato in Convenzione
– il canone di locazione è un acconto sul prezzo di acquisto in caso di esercizio dell’opzione
– il titolare dell’acquisto è alternativamente l’ATER oppure l’assegnatario che ne faccia richiesta
– agli acquirenti sono riconosciuti come acconto i canoni versati nonché mutui a tasso agevolato per
l’acquisto: la Regione può farsi garante deliberando la costituzione di un fondo specifico
I benefici sono i seguenti:
1. rientro dei cosiddetti “sfollati” in tempi brevi (max 60-90gg), in alloggi di buona qualità, e con beneficio delle casse pubbliche
2. maggior tempo a disposizione dell’Amministrazione per reperire i finanziamenti per demolizione e ricostruzione dei fabbricati inagibili
3. ricostruzione di edifici moderni e funzionali, che rigenerano la Città sotto il profilo urbanistico, con tanto di
spazi esterni a verde e zone di aggregazione
4. eliminazione dalla Città del drammatico effetto dormitorio, sia urbanistico che sociale: la dislocazione a macchia di leopardo degli inquilini sfrattati produrrebbe anche la contaminazione dei buoni comportamenti e della fiducia e rispetto nell’Istituzione
5. spinta al mercato immobiliare di Pescara che da sempre è stato la trazione di tutti i comparti, dal commercio al turismo
7. risparmio dell’ATER sui costi di manutenzione e di ammortamento degli immobili di proprietà
8. rifunzionalizzazione dei fabbricati popolari in buono stato: i porticati dei piani terra, ad esempio – attualmente vandalizzati e “criminogeni” – devono diventare la “casa” di associazioni e cooperative, aggregazione, attività commerciali.
Unico ingrediente è solo la volontà, quella stessa che è stata attivata per deliberare l’autonoma sistemazione: soldi
buttati dalla finestra. Con la solita logica dell’emergenza.

Marco Sciarra
Presidente Ance Pescara

Print Friendly, PDF & Email