Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPescara. Ance, Marco Sciarra: Pareggio di Bilancio… con pareggio dei conti

Pescara. Ance, Marco Sciarra: Pareggio di Bilancio… con pareggio dei conti

“Seguiamo con un interesse particolare il nuovo meccanismo contabile del “Pareggio di Bilancio” per due motivi: i nuovi spazi di investimento che si aprono sull’urbanistica, e le forme di garanzia dei tempi certi di pagamento da parte delle P.A. Tempi che fino ad oggi sono stati biblici” – ha detto il Presidente di Ance Pescara Marco Sciarra ad AGEA.

Non sono previste nel Pareggio di Bilancio dinamiche nuove che accelerino i tempi di pagamento della P.A. nei confronti delle imprese?

Non ci sono misure organizzative e procedurali per impedire ulteriore accumulo di debiti. E’ ottimo che i comuni possono utilizzare maggiori risorse per gli investimenti in infrastrutture o manutenzione, ma ci vuole un intervento decisivo che scongiuri i ritardi storici, quelli che fanno indebitare e spesso addirittura chiudere i battenti alle imprese.

Anche le imprese, però, sforano sui tempi di consegna…

Le imprese sapranno rispettare la programmazione che sottende alle nuove regole di Pareggio di Bilancio: ma avere certezza sui pagamenti aiuterebbe non poco quanto alla rapidità della consegna! E comunque, per un risultato positivo vanno coinvolti tutti gli attori dello sviluppo del territorio: dagli enti locali a quelli che regolano gli investimenti privati e quindi l’urbanistica.

Di questi temi si è dibattuto nel corso del seminario regionale che ANCE Pescara e Ance Abruzzo hanno organizzato il 18 aprile presso la sede di Confindustria Chieti Pescara: lo spauracchio è la scadenza del 30 aprile, termine ultimo per l’approvazione dei Bilanci di Previsione dei Comuni. Termine che molti Comuni non sono in grado di rispettare, visto che ancora non approvano i bilanci consuntivi 2015, e che non potrà essere derogato a meno di vanificare da subito il nuovo meccanismo contabile finalizzato proprio ad una pronta programmazione degli investimenti

E non è stato di conforto sapere dal vice Presidente Anci Abruzzo, il Sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio, che “la difficoltà di gestione delle nuove procedure contabili richiederebbe risorse di personale tecnico qualificato, che è negato dal blocco delle assunzioni a molti Comuni”.

Così è suonato lapidario l’intervento dell’Ing. Romain Bocognani, del Centro Studi dell’Ance e moderatore del dibattito: “la possibilità concessa all’Italia di incrementare gli investimenti non deve essere vanificata dalla impreparazione degli enti a recepirne le potenzialità”

Ebron D’Aristotile sul punto ha garantito che “la Regione Abruzzo intende svolgere un compito di sostegno e coordinamento a supporto degli enti locali, ma per raggiungere obiettivi tangibili vi è bisogno del coinvolgimento attivo dell’ANCI e dei comuni, delle varie associazioni dei tecnici della pubblica amministrazione, che sia compreso e condiviso anche dalle forze imprenditoriali”. Ha poi preannunciato, nella sua veste di Direttore del Dipartimento Risorse ed Organizzazione della Regione Abruzzo, nonché di esperto ed anche autore di alcune pubblicazioni in materia, che “c’è l’intenzione di rendere tracciabili agli operatori i vari steep di avanzamento delle procedure di pagamento dei lavori eseguiti, da sempre motivo di preoccupazione ed ansia degli imprenditori nel rapporto con gli enti locali”

Da ultimo, sono stati eccellenti le relazioni della dirigente della Ragioneria Sonia Caffù (responsabile degli adempimenti procedurali e di monitoraggio dei bilanci enti locali), della Dott.ssa Amalia Sabatini del Centro Studi di Ance nazionale. I lavori si sono chiusi con il comune proposito di avviare una serie di incontri sui temi trattati ripetendo il modello proposto nella giornata dall’ Ance.

Print Friendly, PDF & Email