Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPenne. Un milione di euro dalla Provincia per l’istituto Marconi

Penne. Un milione di euro dalla Provincia per l’istituto Marconi

“Sull’istituto Marconi di Penne, drammaticamente colpito dal terremoto, la Provincia continua ad investire somme importanti, tanto da aver raggiunto una somma totale pari ad un milione di euro, puntando assolutamente alla riapertura”. Il vice presidente Fabrizio Rapposelli, assessore provinciale all’Edilizia scolastica, rassicura con queste parole il nuovo dirigente scolastico della scuola di Penne, Andrea Buzzelli. “A febbraio abbiamo ultimato alla grande succursale di corso dei Vestini un intervento per 426.295 euro (fondi Cipe) che ha riguardato vari aspetti: adeguamento strutturale alle murature, solai, volte, architravi e piattabande. Trattandosi pero’ di una progettazione antecedente il terremoto i lavori sono stati oggetto di variante per cui la Provincia ha investito (accendendo un mutuo alla Cassa depositi e prestiti) 230 mila euro, utilizzati per l’adeguamento alla normativa di sicurezza della grande succursale di corso dei Vestini e dei locali di corso dei Martiri Pennesi. In questo caso l’intervento ha riguardato scale di sicurezza, impianti elettrici, impianti idrici sanitari, impianti di riscaldamento e modifiche agli impianti antincendio preesistenti. E’ intervenuta pero’ la Soprintendenza che ha sollecitato il cambio di posizione della scala di sicurezza ed ha contestato alcuni materiali, nonostante il via libera iniziale. Alla luce di cio’ abbiamo presentato in Regione nei giorni scorsi un progetto (importo 330 mila euro) nell’ambito del ‘decreto del fare’ prevedendo la sistemazione di tutti gli aspetti ancora da definire. Voglio rimarcare – conclude Rapposelli – la grande attenzione di questa amministrazione su tale istituto, e lo dimostrano le somme investite, facendo notare all’ex consigliere De Simone che purtroppo il terremoto del 2009 ha costretto a rimodulare tutto, per cui il progetto della precedente giunta appariva ormai superato”.

Print Friendly, PDF & Email