Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraPenne. Alla Roman Style di Brioni la FEMCA CISL si conferma il primo sindacato

Penne. Alla Roman Style di Brioni la FEMCA CISL si conferma il primo sindacato

Nelle aziende Roman Style di Brioni a Penne, a Montebello di Bertona e Civitella Casanova, che di recente ha cambiato l’amministratore delegato, si sono svolte le elezioni per il rinnovo dei Rappresentanti RSU.
La FEMCA CISL ABRUZZOMOLISE si riconferma la prima sigla sindacale negli stabilimenti di Penne e Civitella Casanova e diventa la prima organizzazione sindacale in quello di Montebello di Bertona.
Un successo importante per la FEMCA che ha ottenuto il 50,71% delle preferenze, incrementando il consenso elettorale rispetto alle elezioni precedenti in tutti e tre gli stabilimenti e conquistando il maggior numero di delegati passando da 11 rsu su 27 a 12 rappresentanti su 24.
“La nostra organizzazione risulta la più rappresentativa: abbiamo raggiunto 397 preferenze su 783 voti validi tra i dipendenti, che si traducono in 12 delegati su 24. Alla Uiltec vanno 6 delegati con 208 preferenze e il 26,56% dei consensi; alla Filctem 6 con 178 preferenze e 22,73% del consenso di tutti i dipendenti, dichiara Leonardo D’Addazio Responsabile settore moda FEMCA Pescara”.
Il Segretario Stefano Di Crescenzo della FEMCA CISL AbruzzoMolise ringrazia vivamente tutti coloro che hanno collaborato attivamente al raggiungimento di questi risultati. “La nostra determinazione, le nostre scelte e la nostra coerenza, che come FEMCA abbiamo dimostrato, ci hanno premiato anche in un momento come questo di forte difficoltà economica ed occupazionale per un’azienda come la Roman Style di Brioni”.
In un periodo così difficile e complicato e dopo la difficile vertenza dell’anno scorso siamo orgogliosi che i lavoratori abbiamo scelto la Femca. Un’organizzazione che non si è mai nascosta e si è sempre assunta le proprie responsabilità e continuerà a farlo tutelando tutti i lavoratori della Roman Style di Brion. Trasparenza, lealtà e onestà premiano sempre.
“Una delle priorità del nuovo amministratore delegato deve essere l’riaumento delle ore dei lavorative dei trenta dipendenti che hanno subito la più pesante riduzione da 36/40 a 16 ore, – chiede Leonardo D’Addazio”.
“Un risultato prezioso che premia impegno, lavoro di squadra e credibilità personale dei delegati della stessa Organizzazione. Con questo significativo risultato si conferma la validità del nostro modello di contrattazione sindacale”, – concludono Di Crescenzo e D’Addazio della Femca AbruzzoMolise”.

Print Friendly