Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaNo al silenzio assenso e subito la rete elettrica per quei 100/200 milioni che verranno…

No al silenzio assenso e subito la rete elettrica per quei 100/200 milioni che verranno…

Tasso di disoccupazione regionale pari al 7,6%  (nazionale 8,5%, L’Aquila 8,6%), aumento della gestione ordinaria della Cassa Integrazione Guadagni Abruzzo dell’881,3% (726,1 L’Aquila Città), esportazioni Abruzzo scese del 29,7% (del 34,4% L’Aquila), tasso di mortalità imprese Abruzzo dello 0,51%: così si può riassumere l’intervento di Calogero Riccardo Marrollo Presidente di Confindustria Abruzzo.

L’Assessore Castiglione ha risposto con una serie di dichiarazioni di intenti che gli imprenditori hanno registrato favorevolmente ma come parole, almeno fino ad oggi, e non come fatti venuti in essere: diminuzione dei Confidi a 10 dagli attuali 78 con ripatrimonializzazione consistente (Fira compresa), cessazione commissariamento Consorzi Industriali finalizzata alla scomparsa dei Consorzi, disponibilità fondi Fas e Fers verso economia della conoscenza e credito, Legge sull’Industria, che l’Abruzzo non ha, perché sia più facile accedere ai fondi europei, ampliamento accesso al finanziamento e al credito, stanziamento delle risorse rimaste depositate per l’incentivazione all’mprenditoria giovanile. 

Le domande dei rappresentanti degli Imprenditori.

 

“Ci vogliono interventi adesso, subito, oggi è già tardi – dice Vittorio Silvestri Delegato al Credito di Confindustria Abruzzo. Le Pmi stanno soffrendo il mancato accesso al credito da mesi, ancora un po’ e chiuderanno perché non hanno più liquidità, ma pare che nessun politico si renda conto. Bisogna adottare una logica che vada oltre il consolidamento dei debiti: la banca ha interesse a prorogare il debito a chi ha liquidità e non ad ampliare maggiormente il credito a chi rischia. Inoltre, tanto per dirne un’altra, l’Assessore ci ha appena ricordato che la Fira ha aumentato il capitale sociale con i fondi Fas: di questo siamo soddisfatti ma adesso ci spieghi com’è che contemporaneamente sono stati aumentati gli interessi: a che gioco stiamo giocando? Che l’aumento dei tassi è dovuto alle banche, così come ci ha pubblicamente risposto l’Assessore, lo sappiamo tutti, ma quello che chiediamo alle Istituzioni, e ancora oggi in questo incontro, è un intervento della Regione destinato a creare un sistema di interrelazione con le banche che funzioni, che consenta davvero l’accesso al credito, senza che una mano dà e l’altra riprende. Così non si fa politica dello sviluppo.”

Castiglione: i Direttori delle filiali di banca che scoraggiano l’imprenditore perché devono fare il fatturato vanno pubblicamente svergognati.

 

Modesto Lolli, Presidente Piccola Industria L’Aquila. “Assessore lei ci dice che sburocratizzerà gli apparati amministrativi: quante promesse abbiamo avuto fino ad oggi. Ricordo ancora gli Sportelli Unici creati per snellire le pratiche: anni di attese! Ci dica solo una cosa: lei sottoscrive il documento che abbiamo sottoposto alle Istituzioni con il quale chiediamo non più una legge sulla sburocratizzazione bensì l’eliminazione di tutte le leggi?  Vogliamo che si stabilisca solo un principio: l’obbligatorietà della risposta entro 30 giorni. Il documento coinvolge i 49 Comuni del cratere, la Provincia e la Regione: propone che a qualsiasi domanda da privato ad Ente e tra gli Entri reciprocamente si debba dare risposta entro 30 giorni con motivazione: via il silenzio assenso”.

Da ultimo: l’Università è venuta da noi a proporre Master pagati interamente dalla Regione :a noi non servivano a niente perché non erano chiaramente pensati per gli imprenditori: finanziate i corsi ma vedete prima quali sono le esigenze degli imprenditori altrimenti aumentiamo solo il deficit. 

Castiglione: mi porti il documento lo vedrò personalmente.

 

Giuseppe Marozzi, Presidente Piccola Industria Confindustria Abruzzo, “Assessore, a proposito dei Consorzi Industriali – ai quali lei vorrebbe cambiare i connotati, come ci dice da tempo – ad oggi la realtà quotidiana è sempre la stessa: paralisi delle pratiche. Siamo ancora in alto mare con l’assegnazione degli spazi: si tratta di pratiche già precedenti al terremoto per le quali siamo dovuti andare fisicamente al Consorzio per cercare di velocizzare… 

Inoltre, vorremo chiedere di rifinanziare la legge Sabatini nata per lo sviluppo dell’Abruzzo ma purtroppo “scaduta” il 15 dicembre.

Castiglione:

– per i Consorzi diamoci una data certa e rivediamoci per mettere a posto questo problema

– per la Sabatini sono favorevole: penso si potrebbe attingere ai fondi destinati ai distretti (5 miliardi + 1,6 di quelli ancora non spesi).

 

Pietro Pastorelli, Delegato Energia Confindustria Abruzzo, “Abbiamo un’azienda che è pronta ad investire subito, adesso, tra i 100 e i 200 milioni in Abruzzo, la Terna, tanto per parlare con nomi e cognomi. Ma non viene perché abbiamo una sola strada di ingresso per l’energia: se si interrompe quella l’Abruzzo si spegne. In più, la qualità dell’energia è molto scarsa: fino a 30 interruzioni documentate. Sarebbe sufficiente creare un’altra via attraverso la quale far passare l’energia da distribuire: abbiamo speso 800 miliardi senza fare niente. La Regione mette a posto la rete elettrica e fa venire questo investimento o no?”

Castiglione: di questo dobbiamo parlare congiuntamente, accetto l’incontro che mi proponete con Terna.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi