Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoMontorio, polemiche su possibile costruzione Autodromo

Montorio, polemiche su possibile costruzione Autodromo

Si torna a parlare dell’ambizioso progetto di costruzione di un autodromo a
Montorio. Un’idea per la quale la locale sezione del Movimento Cinque
Stelle ha proposto un referendum allo scopo di “intervenire politicamente
riguardo al metodo decisionale, utilizzato dagli amministratori montoriesi,
nel portare avanti la questione autodromo – così si legge in un comunicato
– e non relativamente al merito dell’opportunità o meno di dotare il nostro
paese di tale infrastruttura sportiva. La nostra scelta ha radici solide ed
è sorretta dalla nostra convinzione che, in casi come quello in questione,
trattandosi di un progetto che ha valore di indirizzo economico e sociale
per un’intera comunità ed ha la capacità di mutare la vocazione di un
intero territorio, la scelta vada, per forza di cose, affidata ai
cittadini a mezzo dell’indizione di un referendum consultivo locale”.

Sull’argomento ribadisce il M5S: “La “stella polare” che guida l’operato
dei M5S nazionale e territoriali è la partecipazione attiva dei cittadini,
a mezzo di strumenti di democrazia diretta, alla vita politica nazionale e
locale. Qual è, se non il referendum, lo strumento “principe” che permette
la partecipazione attiva del cittadino alle decisioni amministrative??? Il
Movimento Cinque Stelle di Montorio al Vomano, pertanto, in questa fase,
non interviene nel merito, esprimendo un “si” o un “no al progetto
autodromo, ma interviene riguardo al metodo utilizzato esprimendo un forte
e chiaro “no” alla metodologia autoritaria con cui l’amministrazione
comunale di Montorio al Vomano ha portato avanti il progetto sino ad
oggi. Il Movimento Cinque Stelle, pertanto, si farà promotore
dell’indizione di un referendum che ha come semplice scopo quello di dare
la possibilità ad ogni cittadino di far sentire la propria voce su tale
tematica e non si fa portatore, nel proporre lo stesso, di un tentativo di
influenzare il cittadino nella scelta”.

Print Friendly, PDF & Email