Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaMondo, Shale gas: acqua contaminata vicino a siti di estrazione

Mondo, Shale gas: acqua contaminata vicino a siti di estrazione

Emergono nuove prove che il fracking dello shale gas può causare una contaminazione dell’’acqua potabile. I ricercatori della Duke University hanno appena pubblicato uno studio destinato ad aumentare le polemiche sul controverso sistema di estrazione del gas naturale da fessure praticate nella roccia Nel dettaglio, gli studiosi hanno analizzato 141 campioni di acqua potabile proveniente da pozzi privati nel nord est della Pennsylvania, una zona ricca di shale gas Marcellus. I risultati sono significativi: i ricercatori hanno trovato concentrazioni di metano sei volte più elevate e concentrazioni di etano 23 volte più alte nell’acqua delle case che si trovano nel raggio di un chilometro da un impianto per l’estrazione del gas di scisto. In 10 campioni, inoltre, sono state riscontrate tracce di propano. Ha detto Robert Jackson, professore di scienze ambientali autore dello studio: i dati di metano, etano e propano e le nuove prove su idrocarburi e isotopi dell’elio, tutti suggeriscono che le perforazioni ha avuto un impatto sull’acqua di alcune case. Non c’è nessuna fonte biologica di etano e propano nella regione e il gas Marcellus è ricco di entrambi. Due precedenti studi condotti da scienziati della Duke University avevano già trovato prove dirette della contaminazione da metano di pozzi d’acqua vicino a siti di estrazione di shale gas nel nord-est della Pennsylvania. Un terzo studio condotto in Arkansas da scienziati dello US Geological Survey, invece, non ha evidenze di contaminazione dell’acqua potabile causate dalla produzione di gas di scisto. La tecnica della fratturazione idraulica, nota come fracking, ha portato a una massiccia espansione della produzione di gas naturale negli Stati Uniti, ma è stata vietata in altri Paesi come la Francia a causa delle preoccupazioni di carattere ambientale. Il gas viene estratto dopo la fratturazione di rocce ricche di scisti ottenuta pompando acqua, sabbia e sostanze chimiche ad alta pressione in pozzetti profondi. Ha detto Avner Vengosh, docente di Geochimica e qualità delle acque alla Duke: i nostri studi dimostrano che le distanze da siti di perforazione, così come le variazioni nella geologia locale e regionale, svolgono un ruolo importante nel determinare il possibile rischio di impatti ambientali causati dallo sviluppo dello shale gas. In quanto tali, devono essere presi in considerazione prima di iniziare l’estrazione. (www.greenstyle.it)

Print Friendly, PDF & Email