Ultime Notizie
HomeStartImpresa 2011NewsMichele Di Maio, vincitore di Startimpresa 2011: “Bisogna far emergere i giovani talenti”

Michele Di Maio, vincitore di Startimpresa 2011: “Bisogna far emergere i giovani talenti”

Michele Di Maio, ventenne di Civitella Messer Raimondo (CH), è il vincitore di STARTIMPRESA 2011, un progetto di Confindustria per avviare i giovani alla cultura d’impresa e favorire lo sviluppo industriale del territorio. Michele ha vinto un premio di 2000 euro per il miglior progetto imprenditoriale ed ha partecipato gratuitamente al corso di formazione specialistica finalizzato alla creazione di nuove imprese.  Riceverà inoltre, previa apertura della partita Iva, un ufficio virtuale e il supporto consulenziale gratuito nella fase di avvio dell’attività d’impresa da parte delle società madrine, finalizzato ad accompagnare la crescita dell’ impresa nella fase più delicata, quella dello Start-Up. L’attività d’impresa ideata, denominata M.D.M., si prefigge di operare nel campo della termoidraulica con procedure ambientali e sociali sostenibili e con sistemi altamente tecnologici e innovativi.

Michele, com’è stata questa esperienza e come ti sei avvicinato alla materia?

Imprenditoria, economia e management sono le mie passioni. Frequento il secondo anno di Economia e Management presso l’Università “D’Annunzio”, ho frequentato diversi corsi di formazione ed ho avuto anche qualche esperienza di lavoro nel settore: un tirocinio di formazione e apprendistato su termoidraulica, energie rinnovabili e manutenzioni nel 2008; formazione professionale e teorica su manutenzioni macchine industriali nel 2011 e, sempre nel corso dell’anno scorso, un’esperienza manageriale e di gestione cantieristica a Toronto, in Canada. Insomma, sono approdato al progetto di Confindustria con una forte motivazione e un grande desiderio di concretizzare le mie aspirazioni.

StartImpresa ha risposto alle tue aspettative?

E’ stata un’esperienza estremamente positiva. Un eccellente corso di specializzazione, con relatori qualificati e che riescono a motivare. StartImpresa esprime il rigore e la serietà dell’istituzione Confindustria, che agevola, stimola e premia meritatamente chi vuol fare veramente impresa. 

Che significa per un giovane rapportarsi alla cultura d’impresa?

Oggi in Italia vi è carenza di passione imprenditoriale tra i giovani; l’università non stimola i giovani e non li motiva e spesso anche la burocrazia non ci agevola. Iniziative come quella di Confindustria ci aiutano a concretizzare le nostre idee, a non sentirci soli. Rafforzano la nostra determinazione a darci da fare per realizzare le nostre intuizioni. Lo spirito imprenditoriale nasce dalla passione, dalla consapevolezza di assumersi le responsabilità, da esperienze, dal desiderio di raggiungere sogni ed obiettivi ma soprattutto dalla voglia di crescere, di fare profitto e nello stesso tempo di fare qualcosa in più per rendersi utili per la crescita economica e sociale dell’Italia. Il territorio italiano – e abruzzese – ha fame e sete di nuove idee e nuova mentalità imprenditoriale; bisogna far emergere sempre più i giovani talenti e motivarli.

L’ambiente e l’innovazione. Come ti sei impegnato su questi temi?Perché? Che importanza dài a valori come quello della responsabilità sociale dell’imprenditore?

La scelta di occuparmi del settore della termoidraulica, delle energie rinnovabili e delle manutenzioni è dettata dalla grande passione che ho per questi settori. Una passione che nasce anche dalla mia esperienza pesonale, dal fatto che seguo sin da bambino mio padre, idraulico con esperienza di 30 anni nel settore (che assumerò come capo tecnico nella mia impresa). Ho scelto l’Abruzzo perché è la mia terra, nella quale voglio continuare a vivere e per la quale desidero crescita e sviluppo. In questo senso i Valori e la Responsabilità Sociale sono i pilastri della mia concezione del fare impresa. Mi propongo di raggiungere, apportando innovazione, obiettivi di Efficienza Energetica, tutela e salvaguardia ambientale ed ecosostenibile. Ma anche di creare nuovi posti di lavoro e quindi benessere per il territorio. Credo fermamente nella stretta connessione tra crescita aziendale e crescita territoriale. 

In tempi di crisi come quello che stiamo vivendo, quale credi sia il ruolo delle associazioni di categoria? Ritieni importante che anche gli imprenditori, unendosi, possano scambiare informazioni, condividere servizi, unire risorse, offrire esperienza…?

Le collaborazioni e i sostegni tra aziende sono fondamentali. Ma un buon metodo, secondo me, per fronteggiare la crisi è lavorare con professionalità e scegliere i mercati migliori su cui puntare. In tempi di crisi bisogna avere obiettivi chiari e crederci, crederci veramente. 

Il futuro: quali sono le tue aspettative, hai qualche timore per l’azienda che stai costruendo?

I timori ci sono, ma fanno parte della vita. Non mi faccio illusioni, ma credo fermamente nei sogni. E nella capacità di noi giovani di realizzarli. Bisogna spingere le giovanissime generazioni italiane, come la mia, all’intraprendenza e alla motivazione. E’ il nostro turno, dobbiamo iniziare noi a risollevare le sorti dell’Italia. Il futuro sarà difficoltoso ma sono fiducioso in me stesso, nella mia nuova azienda e in quello che sto facendo, perchè ci sto mettendo e ci metterò sempre tanta passione e tanta grinta.

CHE COS’È STARTIMPRESA “La crisi internazionale e le note difficoltà del nostro paese devono indurci a essere sempre più proiettati sulla crescita e focalizzati a stimolare la nascita di nuove attività imprenditoriali per sviluppare benessere e occupazione. Per favorire la nascita e la crescita delle imprese è decisivo diffondere nella società cultura d’impresa e propensione all’intraprendenza”. Con questo spirito, i Giovani Imprenditori di Confindustria Pescara guidati dal Presidente Alessandro Addari, ideatore del progetto, hanno avviato e condotto a termine anche in Abruzzo la terza edizione di STARTIMPRESA, Formazione Specialistica per lo sviluppo della nuova imprenditoria & Premio al miglior progetto Imprenditoriale. I partecipanti selezionati, con età compresa tra i diciotto e i quaranta anni compiuti, sono stati venti. Novanta le ore di formazione specialistica gratuita per trasformare un’idea in un progetto imprenditoriale, tenute da imprenditori e manager della rete Confindustriale, svolte da settembre a novembre 2011. Sono state affrontate tematiche concernenti il settore economico, finanziario e fiscale: marketing, accesso al credito, comunicazione e public speaking, motivazione e team building, sicurezza sul lavoro, marchi e brevetti, il web 2.0, reti d’impresa, gestione del tempo, l’analisi del tessuto produttivo e del sistema Confindustria, la dimensione Economico Finanziaria del Business Plan. Case Histories e visite aziendali hanno reso ancora più concreto il percorso. STARTIMPRESA, realizzato in collaborazione con Confindustria Pescara, è sponsorizzato dalla Federazione delle BCC ABRUZZO E MOLISE e vede la partecipazione della BCC ABRUZZESE e di tredici imprese Madrine: ACTION CONSULT, ADECCO, BEST IDEAS, BIZBRAIN GROUP, CONSULMARCHI, ECCO ITALIA, ELAFORM, ENTERPRISE CONSULTING, MIRUS, PARTNER FOR VALUE, SOSUSHI, TECNOCONSULT E TOP SOLUTIONS.

Print Friendly, PDF & Email