Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoMauro Angelucci, Confindustria Abruzzo chiede abolizione privilegi e stipendi consiglieri

Mauro Angelucci, Confindustria Abruzzo chiede abolizione privilegi e stipendi consiglieri

La lettera inviata dal presidente di Confindustria Abruzzo Mauro Angelucci ai vertici della Regione Abruzzo sul trattamento economico e previdenziale spettante ai Consiglieri regionali e sulle spese generali di funzionamento dei gruppi consiliari.

“…certo che la politica abruzzese voglia dare un chiaro segnale di maturità e responsabilità nei confronti delle imprese, dei lavoratori e dei cittadini”

“Gent.mo Sig. Presidente, gent.mi Sigg.ri Capigruppo, facendo seguito alla nostra lettera del 10 Giugno scorso, con la quale eravamo già intervenuti sulla materia, e alle istanze formulate nei giorni scorsi anche da altre Associazioni di Categoria regionali, rinnovo fortemente la richiesta di procedere urgentemente, e senza ulteriori rinvii, all’approvazione del Progetto di Legge sul trattamento economico e previdenziale spettante ai Consiglieri regionali e sulle spese generali di funzionamento dei gruppi consiliari. Ormai non vi sono più motivi o ragioni che possano far slittare ulteriormente l’approvazione del Provvedimento da parte del Consiglio Regionale, soprattutto in considerazione del periodo di grave crisi economica e finanziaria in cui, come già motivato con la nostra richiamata lettera, a tutti – Istituzioni, Politici, Imprenditori, Lavoratori e semplici Cittadini- sono richiesti grandi sacrifici e forti assunzioni di responsabilità, in linea con il clima di austerità che stiamo attraversando. Ribadisco infatti che ulteriori ritardi da parte della Politica dell’approvazione di provvedimenti come quello in questione, volti ad abolire privilegi e sprechi ormai inaccettabili, e a dare segnali univoci di responsabilità, non potranno che rafforzare ulteriormente le distanze ormai già significative che dividono il mondo politico da quello civile. Pertanto sono a chiedere ulteriormente con forza che il P.d.L. venga approvato rapidamente dal Consiglio Regionale, certo che la Politica abruzzese voglia dare un chiaro segnale di maturità e responsabilità nei confronti delle imprese, dei lavoratori e dei cittadini. Certo della vostra attenzione, inviamo cordiali saluti”. (24.9. 2013).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi