Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaLunedì 21 Marzo, alle ore 18.30 presso la Sala Celestiniana del Chiostro di S. Maria in Collemaggio

Lunedì 21 Marzo, alle ore 18.30 presso la Sala Celestiniana del Chiostro di S. Maria in Collemaggio

Interverranno come relatori:

Dott. Giuseppe Ranalli, Imprenditore abruzzese e Membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione per la Sussidiarietà; Dott. Lucio Pippa, Presidente della Fondazione Camillo de Lellis per la Ricerca Clinica Applicata; Dott. Marco Maria Gentile, Dirigente Dompé SpA di L’Aquila.

 

Il presente comunicato è stato inviato anche per e.mail

 

Giuseppe Ranalli, Presidente Tecnomatic Group Spa, è nato a Pescara il 3 settembre 1969, coniugato dal 1998 con Paola Antonaci e padre di due bambini, Riccardo e Federico.

1993 Laurea in Economia conseguita presso l’Università D’Annunzio di Pescara, in tecnologia dei cicli produttivi dal titolo “Evoluzione storica dell’automazione industriale”

1993-94   Corso di specializzazione in Economia dell’Innovazione Tecnologica presso l’Istituto Superiore Sant’Anna di Pisa, in collaborazione con il prof. Nathan Rosemberg della Stanford University, USA.

1994 Conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista.

1994-95 Servizio Militare presso l’Arma dei Carabinieri a Roma, come istruttore di Karate del Plotone di Intervento Anti Sommossa, 1994-95.

1995-98 Percorso professionale come manager d’industria nel settore metalmeccanico.

1998-04 Amministratore delegato del Gruppo Tecnomatic Spa

dal 2003 Membro del CdA della Fondazione per la Sussidiarietà della Compagnia delle Opere (Milano)

dal 2004 Presidente CdA del Gruppo Tecnomatic Spa

Un “io” per lo sviluppo. Il libro vuole tracciare le linee della nostra recente storia economica e istituzionale, per aiutare a capire quali siano le condizioni per giungere ad una soluzione positiva. Il titolo stesso del volume suggerisce l’ipotesi che si vuole verificare: come è avvenuto in molti momenti della nostra secolare storia, l’educazione del singolo “io” e del popolo alla realtà, percepita nell’integralità dei suoi fattori, attraverso un’esperienza ideale e di fede, costituisce l’origine di un nuovo possibile sviluppo.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi