Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeL’INTERNAZIONALIZZAZIONE COME STRATEGIA DI SVILUPPO DELLE PMI

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE COME STRATEGIA DI SVILUPPO DELLE PMI

di FRANCECO DE BARTOLOMEIS

“Attrezzarsi per affrontare il mercato globale – L’internazionalizzazione come strategia di sviluppo delle Pm.i.” è il tema dell’incontro informativo che si è svolto a L’Aquila lo scorso 17 Luglio presso la Sala Convegni dell’Unione Provinciale degli Industriali di L’Aquila.

Il team di ricerca Spegea S.r.l. – scuola di management e socio di SFC (Sistemi Formativi Confindustria), ha illustrato i risultati dell’indagine sull’internazionalizzazione incentrata sull’analisi dei fattori critici nei processi di espansione sui mercati esteri, sulla definizione dei modelli organizzativi più diffusi e sull’individuazione dei principali fabbisogni di servizi a supporto dei processi di internazionalizzazione con particolare riferimento al settore metalmeccanico.

Le esperienze delle imprese rispetto all’internazionalizzazione vanno lette sulla base del grado di proattività estera e dell’incidenza delle esportazioni sul fatturato. per acquisire competitività è necessaria l’adozione di modelli culturali e di sistemi organizzativi in ordine con l’evoluzione delle condizioni dei mercati esteri.

Dall’analisi sono derivati cinque modelli interpretativi espressi dalle aziende, che producono diversi gradi di integrazione con i mercati esteri e livelli di ritorno economico differenti.

L’impresa “opportunista” è contraddistinta da un’attività esportativa limitata, se non addirittura inesistente; è un modello d’impresa poco innovativa che tende ad adeguarsi alle opportunità di mercato. L’integrazione con i mercati esteri viene vista in chiave strategica nell’impresa “esplorativa” e sebbene vi sia un approccio strutturato all’internazionalizzazione, questo modello non porta a risultati commerciali eccellenti. L’impresa “trainata”, pur attenta al mercato estero, non cura la promozione, non cerca forme integrate di internazionalizzazione e si concentra su politiche di gestione della clientela. L’internazionalizzazione diventa un vero e proprio punto di forza nel modello di impresa “cosmopolita” che, in un’ottica di lungo termine, raggiunge una forte posizione sul mercato internazionale. Il modello gestionale di tipo “tradizionale” è emerso tra le imprese che operano nel settore del turismo. Si muovono sul versante della promozione verso l’estero solo al fine di sviluppare flussi di incoming del turismo straniero, senza però esprimere significative capacità proattive.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi