Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Università: ok dal ministero della Giustizia all’utilizzo degli spazi dell’istituto di pena minorile

L’Aquila. Università: ok dal ministero della Giustizia all’utilizzo degli spazi dell’istituto di pena minorile

Oggi a Roma, presso il ministero della Giustizia, alla presenza del sottosegretario Cosimo Ferri, e’ stato siglato l’accordo che, nel quadro di una piu’ ampia collaborazione, permettera’ all’Universita’ degli Studi dell’Aquila di utilizzare per la didattica dei corsi di Laurea dell’area di Economia spazi di nuova costruzione all’interno del complesso dell’Istituto Penale per i Minorenni “Luigi Ferrari” in via Acquasanta. L’accordo, esempio di virtuosa collaborazione fra pubbliche amministrazioni – commenta l’Ateneo – rappresenta solo un primo passo: si procedera’ infatti a definire in tempi brevi una soluzione che permetta, nel rispetto delle esigenze di tutte le amministrazioni coinvolte, una sistemazione piu’ ampia e stabile dei docenti e delle strutture a servizio dei corsi dell’area economica. Questa collocazione – prosegue l’ Universita’ – garantisce agli studenti una piu’ ampia disponibilita’ di servizi e risponde all’obiettivo, da tempo concordato nell’apposito tavolo di lavoro fra Comune, Universita’, Adsu e Regione di avvicinare quanto piu’ possibile le attivita’ didattiche al centro della citta’ in ricostruzione. La stipula della convenzione in tempi che permetteranno la sistemazione dei locali gia’ per l’avvio delle lezioni del nuovo anno accademico e’ stata possibile grazie all’impegno congiunto di tanti attori che l’Ateneo ringrazia. “La firma del protocollo – ha commentato il sottosegretario Ferri – costituisce un atto importante che va incontro alle esigenze dell’Universita’ e garantisce una maggiore fruibilita’ del diritto allo studio. La struttura che viene data in comodato gratuito (si tratta dell’immobile denominato ‘Edificio C’, ndr) e’ stata messa in sicurezza e ristrutturata a seguito del sisma del 6 aprile 2009 con un investimento pubblico di sei milioni di euro e sara’ utilizzata a fini didattici. Garantire strutture dignitose e funzionali – ha aggiunto il sottosegretario – ha anche un ritorno importante per il ministero che, in tal modo, puo’ collaborare in modo stretto e proficuo con l’Universita’, puo’ migliorare la formazione del proprio personale e utilizzare questi spazi per tenere corsi di aggiornamento. Ritengo importante che si proceda in questo clima di collaborazione costruttiva e si incentivino le iniziative sinergiche tra le pubbliche amministrazioni. Inoltre la collaborazione dovra’ proseguire e terremo conto sia delle esigenze dei nostri uffici minorili aquilani (Procura e Tribunale per i Minorenni) sia di quelli dell’Universita’ sia della destinazione dell’Istituto penitenziario minorile. Questo protocollo – ha detto sempre Ferri – apre non solo nuove prospettive ma e’ di stimolo per nuove idee. Con soddisfazione ho raccolto infine anche la disponibilita’ della rettrice alla possibilita’ di realizzare anche corsi universitari per i detenuti ed a programmare percorsi di studio specifici. Si tratta di un passo in avanti importante – ha concluso il sottosegretario – nel segno della buona amministrazione e della necessita’ di dare risposte concrete”. “Ho seguito con attenzione il positivo sviluppo della collaborazione tra il Dipartimento della giustizia minorile e l’Universita’ dell’Aquila, i quali oggi hanno sottoscritto un’importante convenzione – ha osservato il ministro della Giustizia Andrea Orlando -. Si compie cosi’ un primo importante passo, che consentira’ ai Corsi dell’Area di Economia di tornare al centro della citta’. Abbiamo ascoltato le sollecitazioni dell’Ateneo e degli Enti Locali e abbiamo perseguito diversi obiettivi, tra i quali migliorare le condizioni del Tribunale dei Minori, aiutare l’Universita’ a risparmiare risorse dei contribuenti impiegate in affitti e, soprattutto, partecipare alla ricostruzione sociale dell’Aquila, con un’altra parte della comunita’ universitaria che torna ad animare il centro storico. A questo primo passo – ha annunciato infine Orlando – ne seguiranno altri che riguardano il complesso delle strutture in disponibilita’ del ministero della Giustizia. Il Dipartimento, che ringrazio per aver contribuito a questo primo risultato, seguira’ gli sviluppi contemperando le diverse esigenze”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi