Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Tipici dei Parchi: “Adotta il nostro futuro”dall’Expo di Milano al Salone di fine maggio

L’Aquila. Tipici dei Parchi: “Adotta il nostro futuro”dall’Expo di Milano al Salone di fine maggio

E’ un bilancio più che positivo quello presentato stamane al Comune dell’Aquila relativo alla manifestazione ‘Adotta il nostro futuro’, promossa dall’Ufficio speciale per la ricostruzione dei Comuni del cratere e dall’Ufficio speciale dell’Aquila, e realizzata da Carsa con la collaborazione delle DMC Gran Sasso d’Italia, L’Aquila e Terre Vestine, Abruzzo Qualità, Gran Sasso-Laga Cuore dell’Appennino, Terre pescaseri, Distretto turistico montano Gran Sasso d’Italia e Terre d’Amore in Abruzzo.
La manifestazione si è svolta all’Expo di Milano, all’interno del Padiglione Kip School, dal 2 al 10 maggio, secondo un calendario serrato di eventi: fra questi, un convegno istituzionale, una mostra, l’esposizione di prodotti enogastronomici, mestieri e prodotti turistici. Ma i prodotti del territorio continueranno ad essere presenti all’interno del padiglione per i prossimi sei mesi, visto che non solo verranno utilizzati nelle cucine del ristorante – che aprirà a breve – ma anche perchè a giugno anche i produttori tipici dei parchi calcheranno il palcoscenico dell’Expò. 
“Si è trattato di una vetrina eccezionale per promuovere i nostri territori e, in particolare, le aree interne”, ha voluto sottolineare Roberto Di Vincenzo di Carsa, coordinatore generale Tipici dei Parchi. L’esperienza milanese è stata curata da Alfonso D’Alfonso, DMC Gran Sasso d’Italia, L’Aquila e Terre Vestine. “C’è stato un flusso di persone impressionate”, ha raccontato. “Il nostro territorio è stato percepito dagli operatori proprio come volevamo: un territorio organizzato, dinamico, con una grande voglia di rinascere”. L’Abruzzo di Tipici dei Parchi,: seconda tappa di un più ampio e complesso progetto di valorizzazione e crescita dei territori protetti d’Italia.
Tre le tipologie di visitatori che hanno affollato il padiglione 1, l’unico internazionale: orientali, europei e molti italiani. “Tre tipologie di visitatori, tre modalità di confronto. Gli orientali neanche sapevano che l’Abruzzo fosse una regione del centro Italia: sono stati però attratti dal nostro modo di presentarci. Ha stimolato grande attenzione e curiosità la filatrice che abbiamo posto dentro l’area dell’Onu: se si aggiungono le ceramiche di Castelli e l’offerta dei confetti di Sulmona, credo che abbiamo saputo conquistare la loro attenzione. Tanta anche la curiosità degli Europei e, certo, degli Italiani interessati, da un lato, al tema della ricostruzione, e, dall’altro, alle potenzialità turistiche delle aree interne. Insomma, ci siamo guadagnati sul campo la possibilità di restare nel padiglione con la nostra offerta turistica e i nostri prodotti enogastronomici”.”Un’esperienza che ha avuto risultati sorprendenti – ha aggiunto Santilli, Camera di Commercio dell’Aquila – che ha reso internazionale il salone dei prodotti tipici dei parchi. Viviamo nella regione piu verde d’Europa ed è giusto e doveroso riaffermare questo ruolo”. 
Un ottimo risultato, dunque, in previsione della seconda tappa del percorso dei Tipici dei Parchi: il salone dei prodotti tipici dei parchi d’Italia che tornerà ad animare la città, dal 28 al 31 maggio, negli spazi dell’ex Agriformula

Print Friendly, PDF & Email