Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: si abbassa il canone per l’occupazione pubblica

L’Aquila: si abbassa il canone per l’occupazione pubblica

La giunta comunale dell’Aquila ha deliberato l’atto ricognitivo di adeguamento del canone di occupazione spazi aree pubbliche (Cosap) che abbassa le aliquote. “La Giunta comunale – recita il documento – ha stabilito in attuazione della delibera di Consiglio, la riduzione del Canone di Occupazione Spazi aree pubbliche (Cosap). Le agevolazioni sono limitate, unicamente, alle occupazioni effettuate con transenne, ponteggi, cesate ed ogni altro mezzo di occupazione necessario alla messa in sicurezza e all’esecuzione dei lavori di ripristino di edifici dichiarati inagibili o inabitabili a seguito del sisma. La durata dell’ agevolazione e’ limitata alla durata del titolo abilitativo edilizio, ed e’ quindi circostanziale ad un periodo temporale preciso”. Secondo la delibera le agevolazioni avranno, inoltre, carattere retroattivo, ovvero saranno efficaci a partire dal 1 gennaio 2012. Le aliquote agevolate non si applicheranno nei casi di occupazione abusiva e per i casi in cui le convenzioni siano scadute e non rinnovate, assimilabili a quelle abusive. La Giunta ha deliberato inoltre che, nello stabilire le tariffe con le agevolazioni, subordina la fruizione del beneficio per i palazzi e monumenti ubicati nel centro storico. I ponteggi dovranno essere ricoperti con telo, a grandezza naturale, che riproduca l’immagine del palazzo oggetto di recupero o restauro, con la scritta “L’Aquila rinasce”. La giunta stabilisce, inoltre, che a detti scopi e in via integrativa alle agevolazioni introdotte sul canone vigente, si possa convenire, in fase di autorizzazione all’occupazione, l’apposizione gratuita di messaggi pubblicitari, limitatamente alla ditta detentrice del cantiere, in una fascia del telo stesso posta al di sotto del trompe l’oeil della facciata, e comunque di superficie non superiore al 20% della superficie complessiva. L’installazione del telo con la scritta sovrapposta e’ comunque da sottoporre ad approvazione dell’ufficio competente alla ricostruzione.

Print Friendly, PDF & Email