Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: scontro Chiodi-Cialente su riqualificazione centro storico

L’Aquila: scontro Chiodi-Cialente su riqualificazione centro storico

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta ha lasciato la scuola ispettori della Guardia di Finanza di Coppito all’Aquila senza rilasciare dichiarazioni

 

sulle risultanze della riunione dei soggetti coinvolti nella ricostruzione post terremoto in Abruzzo. Diretto a Teramo per l’inaugurazione della strada “Lotto Zero”, alla presenza del ministro per le Infrastrutture, Altero Matteoli, il sottosegretario ha avuto lo stesso atteggiamento di qualche settimana fa, quando partecipò alla settimanale riunione sulla ricostruzione. Come nella precedente occasione, quando aveva esortato con toni decisi tutti i soggetti a velocizzare procedure e tempistica di ricostruzione, anche oggi Letta ha avuto il suo da fare, in particolare per sedare sul nascere un accenno di polemica tra il presidente della Regione Abruzzo e commissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, e il sindaco dimissionario dell’Aquila, Massimo Cialente. Motivo dello scontro sarebbe stato il problema del piano di riqualificazione del centro storico dell’Aquila, non ancora presentato dal Comune alla Struttura tecnica di missione, che in questo senso agisce in nome e per conto del commissario. Letta ha ricordato ai due, chiudendo sul nascere ogni tensione, che il tavolo non si occupa di questioni politiche, ma sono in ballo figure istituzionali che devono provvedere alla ricostruzione. Chiodi e Cialente negli ultimi giorni si sono scambiati numerose frecciate, soprattutto in merito alle dimissioni presentate dal sindaco, che deve decidere entro il 28 marzo se ritirarle o confermarle. Per il resto, durante la riunione è stato fatto il punto sullo stato dell’arte della ricostruzione in tutti i Comuni del cratere, sono stati affrontati il tema della rete idrica e dei sottoservizi nel Comune dell’Aquila e le questioni legate ai ritardi nella ricostruzione delle case classificate “E”, le più danneggiate, alla luce del blocco causato da provvedimenti retroattivi.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi