Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, Sanità: riorganizzazione esempio per altre regioni

L’Aquila, Sanità: riorganizzazione esempio per altre regioni

“Sono convinta che questa riorganizzazione possa diventare un esempio anche per altre regioni italiane, comprese quelle del nord”: lo ha detto il sub commissario alla Sanità, Giovanna Baraldi,

 

 durante l’audizione nella Quinta Commissione, presieduta da Nicoletta Verì. Baraldi é stata convocata per illustrare la riorganizzazione delle strutture residenziali abruzzesi.
“Un progetto – spiega la Verì – che si basa su una priorità: la diversificazione dell’offerta, con il riequilibrio tra servizi di alta, media e bassa complessità e la loro distribuzione omogenea sul territorio e nelle quattro Asl, così da garantire la contiguità rispetto alla residenza, uniformità ed equità di accesso”. I monitoraggi eseguiti sulla situazione esistente, infatti, hanno stabilito che esiste un’alta concentrazione di alcuni tipi di prestazioni, mentre altri sono insufficienti e a volte addirittura inesistenti.
“La verifica delle esigenze delle diverse aree territoriali – continua Verì – ha portato invece a una ridefinizione dell’intero quadro di riferimento e all’introduzione di nuove specialità, così da dare una risposta efficace all’utenza. Il settore pubblico, in questo processo, reciterà un ruolo da protagonista, assicurando però al privato condizioni e risorse tali da poter operare con efficienza e garantendo i livelli occupazionali”.
Baraldi tornerà in Commissione tra due settimane, per continuare l’illustrazione e la condivisione del piano di riordino del sistema sanitario. “E’ importante – conclude Nicoletta Verì – questo momento di confronto a cui partecipano, e danno il proprio contributo, gli esponenti sia di maggioranza sia di opposizione. Baraldi ha ribadito più volte di non voler procedere con criteri ragionieristici nella ristrutturazione del nostro sistema sanitario, e proprio per questo ha chiesto il sostegno dei consiglieri. Sono convinta che entro la fine dell’anno anche i cittadini cominceranno ad avere la percezione reale dei risultati positivi che stiamo raggiungendo”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi