Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Sanità, liste di attesa azzerate per trapianti cornea all’ospedale San Salvatore

L’Aquila. Sanità, liste di attesa azzerate per trapianti cornea all’ospedale San Salvatore

Liste di attesa azzerate per i trapianti di cornea all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. Grazie all’impulso al “procurement”, cioe’ l’approvvigionamento di tessuti oculari, e alla crescita delle donazioni, nel 2013 e’ infatti arrivato il pareggio tra le richieste e l’utilizzo delle cornee fornite dalla Banca degli Occhi del capoluogo, diretta dal dottor Germano Genitti. La struttura e’ da oltre 10 anni il centro di riferimento regionale per le donazioni e trapianti di cornea e per le membrane amniotiche, non solo per l’Abruzzo ma anche per il Molise; riconosciuta e certificata dal Centro nazionale trapianti, e’ anche uno dei pochi reparti dell’ospedale aquilano a possedere la certificazione di qualita’ ISO 9001:2008. Dopo la pausa forzata imposta dal terremoto del 6 aprile 2009, la Banca e’ riuscita a ripartire grazie all’impegno del Coordinamento regionale trapianti, diretto dal professor Antonio Famulari, e dei Coordinamenti locali con i quali sono state intraprese numerose iniziative per contrastare la flessione del numero di donazioni registrata soprattutto dal post-sisma. Decisive, in tal senso, sono state anche la dedizione e la motivazione del direttore del dipartimento chirurgico, il dottor Giovanni De Blasis, che ha favorito l’attivazione di progetti-obiettivo nei presidi ospedalieri di Avezzano e Sulmona, esportando il modello aquilano di reperibilita’ del gruppo infermieristico che si occupa del procurement. “L’attivazione dell’ambulatorio oculistico, specializzato nella diagnosi e cura delle patologie della cornea, e l’acquisizione di strumentazioni all’avanguardia – afferma il direttore Genitti – vogliono essere un segnale affinche’ l’unita’ operativa Banca degli Occhi diventi anche un importante riferimento per l’attivita’ clinica dell’ospedale San Salvatore”. Dei 2.000 tessuti processati sino a oggi dalla Banca una parte minore e’ proveniente dagli altri ospedali abruzzesi, Pescara, Chieti e Teramo. “Una maggiore collaborazione nel procurement delle donazioni da parte di tutti gli ospedali – l’auspicio in conclusione del dottor Genitti – garantirebbe autonomia e la disponibilita’ di cornee in ambito regionale, evitando la necessita’ di ricorrere spesso all’acquisto di tessuti presso altre Banche italiane”.

Print Friendly, PDF & Email