Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, ricostruzione: lunedì arriva Barca

L’Aquila, ricostruzione: lunedì arriva Barca

Giornata aquilana, lunedi’ prossimo, 20 febbraio, per il ministro alla Coesione territoriale Fabrizio Barca, incaricato dal presidente del Consiglio, Mario Monti, di seguire la ricostruzione post terremoto. Il programma prevede, alle ore 9.30, un incontro con il governatore d’Abruzzo, Gianni Chiodi, e con la struttura commissariale; verso mezzogiorno, poi, vertice col Primo cittadino dell’Aquila, Massimo Cialente, e con gli altri Sindaci del cratere sismico; nel pomeriggio, infine, confronto con Confindustria.
Si parlera’, ovviamente, della riorganizzazione della governance; dell’avvio della ricostruzione, in primis quella pesante; del rilancio economico e sociale del territorio.
Nonostante i loro appelli, i Comitati cittadini, almeno per lunedi’, non avranno la possibilita’ di parlare col ministro Barca che, comunque, ha fatto sapere che non mancheranno occasioni future per coinvolgere la cittadinanza aquilana.

«Il ministro Barca incontrerà solo una ristretta parte del mondo produttivo aquilano e non è plausibile che la piccola e media impresa sia tagliata fuori da questo tavolo importante per la ricostruzione». Sono queste le parole del direttore di Confcommercio L’Aquila, Celso Cioni in riferimento alla visita del ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca incaricato dal premier, Mario Monti, di seguire la vicenda della ricostruzione post terremoto, in programma per il prossimo lunedì 20 febbraio. «Non si possono ignorare i due terzi dell’attività produttiva di questo territorio martoriato dal terremoto – ha proseguito Celso Cioni – per questo motivo chiediamo a Confindustria, l’unica invitata all’incontro, di non partecipare e, inoltre proponiamo per lunedì lo stato di agitazione della categoria e sicuramente invieremo una lettera al Presidente del Consiglio, Mario Monti per manifestare la nostra delusione per l’esclusione di organizzazioni che rappresentano oltre 23 mila aziende in provincia dell’Aquila». Ad aderire a questa protesta la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e delle piccola e media impresa, Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato. «Il territorio deve essere rappresentato nella totalità e non a pezzi – ha detto il direttore del Cna L’Aquila, Agostino del Re – Ci sono due modi di fare politica, quello di unire le rappresentanze e le forze per far sì che il territorio venga ascoltato nell’interezza ed un altro modo che divide le realtà di rappresentanza territoriale perchè probabilmente c’è un gioco che a noi sfugge. Spero che la nostra esclusione si tratti solamente di una, seppur grave, svista».

Print Friendly, PDF & Email