Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, ricostruzione: esempio da non imitare per New York, devastata da Sandy

L’Aquila, ricostruzione: esempio da non imitare per New York, devastata da Sandy

 Il critico ed esperto di architettura Michael Kimmelman traccia sul New York Times un paragone che non risparmia critiche alla gestione del dopo-sisma in Abruzzo
La ricostruzione dell’Aquila, devastata dal terremoto dell’aprile del 2009, come “monito” per la New York che fatica a riprendersi dopo la distruzione provocata dall’Uragano Sandy.
Il critico ed esperto di architettura Michael Kimmelman traccia sul New York Times un paragone che non risparmia critiche alla gestione del dopo-sisma in Abruzzo. Kimmelman ha visitato piu’ volte l’Aquila dopo il terremoto. e ricorda le “new towns” “temporanee” vantate dall’allora premier italiano Silvio Berlusconi come soluzione al problema abitativo di quanti erano rimasti senza una casa dopo il sisma. Si tratta, scrive, di “tristi, isolati, minuscoli e costosi appartamenti”, impiantati “nella periferia della citta’, tagliati fuori dai trasporti di massa e dalla vita civile”, senza che “sia stata creata alcuna infrastruttura”.
“Da allora, le autorita’ italiane hanno continuato a promettere di riportare la citta’ al suo aspetto precedente, ma finora sono stati riparati meno di una dozzina di edifici, tra le centinaia che sono andati danneggiati nel centro, che rimane una citta’ fantasma”, divenuto meta di “turismo pornografico” da parte di chi vi si reca apposta per guardare e fotografare le rovine.

Print Friendly, PDF & Email