Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Ricostruzione, dal Cipe in arrivo 480 milioni di euro

L’Aquila. Ricostruzione, dal Cipe in arrivo 480 milioni di euro

Avanti con i fondi per la ricostruzione post-terremoto. Oggi il Cipe, su proposta del sottosegretario all’Economia, Giovanni Legnini, ha assegnato 480 milioni per la prosecuzione della ricostruzione, che potra’ cosi’ registrare una forte accelerazione. In particolare, sono stati assegnati 469 milioni per gli interventi della ricostruzione privata, che consentiranno di aprire i nuovi cantieri per le pratiche istruite fino al 31 luglio e 11 milioni per gli interventi di sostegno alle popolazioni. Lo stanziamento riguarda L’Aquila, i Comuni del Cratere e quelli fuori del Cratere. Nel dettaglio, 270 milioni di euro sono previsti per l’Aquila, 168 per i Comuni del Cratere e 32 per quelli fuori del cratere. “Adesso ci metteremo al lavoro – ha annunciato il sottosegretario Giovanni Legnini – per le nuove risorse necessarie per coprire il fabbisogno dell’anno in corso, a cominciare da quello necessario per l’ ulteriore prosecuzione degli interventi della ricostruzione degli edifici pubblici e di quelli privati, sia sulla base delle risorse gia’ disponibili sia su quelle aggiuntive che dovremo individuare. Poi, con la legge di stabilita’ affronteremo gli impegni finanziari necessari per i prossimi anni”. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel corso della riunione del Cipe, nel confermare la sua prossima visita all’Aquila, ha sottolineato l’esigenza di aprire un confronto con l’Europa per affrontare gli enormi fabbisogni finanziari necessari per la ricostruzione in Abruzzo e per fare fronte alle altre calamita’ naturali. Il sottosegretario Legnini, sempre nel corso della riunione del Cipe, ha depositato un documento riassuntivo con tutte le risorse stanziate, assegnate ed erogate nonche’ di quelle che occorreranno per la prosecuzione degli interventi e il completamento della difficile ma possibile ricostruzione. “Sono molto soddisfatto non solo delle decisioni assunte oggi dal Cipe – ha concluso Legnini – ma anche dell’impostazione che il presidente Renzi intende dare per fornire certezze finanziarie per il futuro della ricostruzione”. Si e’ svolta oggi la terza seduta del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica del Governo Renzi, presieduta dal Presidente del Consiglio.

Il Comitato ha assegnato in via definitiva 469 milioni di euro circa per accelerare la ricostruzione di immobili privati in Abruzzo colpiti dal sisma del 2009, sulla base delle risorse stanziate dal decreto-legge n. 43/2013 e dalla legge di stabilita’ n. 147/2013. Della somma complessiva, 269 milioni circa sono destinati alla citta’ de L’Aquila, 168 milioni per gli altri comuni del cratere e 32 milioni per i Comuni fuori cratere. La ripartizione tiene conto dello stato di utilizzazione delle risorse gia’ assegnate a tal scopo, nonche’ degli ulteriori fabbisogni emersi. Inoltre ha approvato l’assegnazione di 11,2 milioni di euro per le spese obbligatorie di assistenza alla popolazione colpita dal sisma, da destinare al contributo di autonoma sistemazione (assistenza gratuita presso strutture private e pubbliche e contratti di locazione).

In materia di infrastrutture strategiche, il Comitato ha: · approvato con prescrizioni misure di defiscalizzazione all’Asse autostradale Pedemontana Lombarda per riequilibrare il Piano economico-finanziario (PEF). Il Cipe si e’ espresso su conforme parere del Nucleo di consulenza per l’attuazione delle linee guida per la regolazione dei servizi di pubblica utilita’ (NARS) con talune prescrizioni . L’ammontare delle misure agevolative fiscali da riconoscere e’ pari a 349 milioni di euro in valore attuale complessivo (IRES, IRAP e IVA) per il periodo di applicazione 2016/2027.

· udito un’informativa circa la rimodulazione del quadro economico della Linea C della Metropolitana di Roma, a seguito una di variante richiesta dai Vigili del fuoco, dell’aumento dell’IVA al 22%, della revisione della voce collaudi, e dell’esito di un lodo arbitrale. La rimodulazione delle nuove voci non altera il tetto di spesa previsto per il tracciato fondamentale” dell’opera (Clodio/Mazzini a Pantano, incluso il deposito Graniti) che si mantiene a 3.739,86 milioni di euro. Le nuove spese trovano copertura con l’utilizzo delle somme appostate sulle voci “imprevisti” e altri accantonamenti.

· formulato parere positivo sullo schema di atto aggiuntivo alla Convenzione unica tra ANAS S.p.A. e Milano Serravalle-Milano tangenziali S.p.A. e sull’aggiornamento del relativo Piano economico finanziario, a seguito della scadenza del periodo regolatorio. Nell’aggiornamento e’ stato introdotto tra l’altro un nuovo intervento che consente l’accesso al centro intermodale di Segrate.

Print Friendly, PDF & Email