Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, Rete Imprese Italia: subito zona franca

L’Aquila, Rete Imprese Italia: subito zona franca

 

“Rete Imprese Italia” della Provincia di L’Aquila ha raccolto, in seguito all’esito positivo del governo per quanto inerente  la restituzione delle tasse e contributi sospesi, la condivisione dei rappresentanti di tutte le sigle aderenti,

invitando  il Presidente Ruggero De Amicis (Pres. CNA Avezzano) e  il Direttore Provinciale CNA L’AQUILA Agostino Del Re nelle rispettive qualità di Presidente e  Segretario provinciale di “Rete Imprese Italia” (semestre CNA) a darne comunicazione agli organi di stampa. “Ciò – si legge in una nota – non deve essere visto come arrivo, ma come base di partenza elemento fondamentale ed indispensabile su cui basare una concreta programmazione economico-finanziaria, attesa da lungo tempo che ha inesorabilmente disatteso le speranze delle imprese e dei cittadini della città di L’Aquila e dell’intero cratere, che soltanto la volontà e lo spirito di sacrificio delle imprese daranno  forza e linfa vitale per la salvezza e la ripresa economica del territorio. Forse, sarebbe stato più opportuno attendere almeno un po’ più di tempo (Gennaio 2014/15) per l’inizio della restituzione, ma abbiamo la consapevolezza della situazione italiana, per cui valutiamo il risultato significativamente importante. Ora, guardiamo avanti e con intenti collaborativi, ci si impegni tutti uniti senza alcuna distinzione a procedere nel cammino della rinascita del territorio con la zona franca, con  la vera  ricostruzione a cui tutti gli attori coinvolti debbano concentrare la massima attenzione nella semplificazione degli iter approvativi e incentivare, anche se più volte ribadito nelle innumerevoli istanze, il settore dell’artigianato e della P.M.I. unica via di sbocco sostenuto fortemente dalle politiche europee. In, conclusione, si dimostri la capacità di fare quello che continuiamo ad annunciare, incluso ciò che non va fatto, non possiamo permetterci il lusso  di aspettare altro tempo”.

Fonte: Abruzzo24ore

Print Friendly, PDF & Email

Condividi