Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: progetto CASE, chi paga 4,5 mln di utenze?

L’Aquila: progetto CASE, chi paga 4,5 mln di utenze?

 

“Un milione e 800mila euro per il canone dei servizi idrici, altrettanti per le bollette del gas e 520mila euro per l’energia elettrica.

 

Un debito che non si sa chi dovra’ pagare, perche’ anche in questa occasione il Comune dell’Aquila, pur essendo a conoscenza del problema, fa finta che non esista”. L’attacco e’ del vicepresidente vicario del Consiglio regionale Giorgio De Matteis e fa riferimento alla vicenda delle bollette relative alle utenze degli alloggi del Progetto Case, per le quali le aziende fornitrici hanno accumulato crediti per oltre 4 milioni di euro. “Somme maturate – ha spiegato De Matteis – dalla primavera dello scorso anno ad oggi, da quando cioe’ c’e’ stato il passaggio di consegne tra la Protezione Civile e il Comune, cui a rigor di logica spetterebbe pagare quelle fatture, in quanto proprietario degli appartamenti”. Secondo il vicepresidente, l’amministrazione comunale non sta pero’ preoccupandosi del problema, tanto che non e’ stato neppure predisposto un regolamento condominiale per il Progetto Case che chiarisca una serie di aspetti, a partire dal pagamento di un eventuale canone di locazione da parte degli inquilini, fino ad arrivare alle utenze e alla disciplina delle manutenzioni ordinarie e straordinarie.
“Ad oggi – ha puntualizzato – se si rompe una tubatura non si sa chi debba intervenire e soprattutto non si sa chi debba pagare l’intervento. E la questione diventera’ sempre piu’ grave, perche’ quegli stabili, con il passare degli anni, necessiteranno sempre piu’ frequentemente di interventi di riparazione. Il sindaco Cialente, invece, che fa? Gira la testa dall’altra parte, fingendo che sia tutto a posto, mentre invece non ha ancora deciso cosa fare di questa enorme proprieta’ immobiliare, con tutte le conseguenze che ne derivano”. Nella conferenza stampa di oggi non sono mancati riferimenti all’assemblea che si e’ svolta ieri sera all’Aquila e in cui il primo cittadino e’ tornato ad attaccare il commissario Chiodi, ipotizzando che sia in atto una manovra per bloccare la ricostruzione.
“Cialente la smetta di agitare fantasmi – ha concluso De Matteis – se e’ a conoscenza di qualcosa, faccia nomi e cognomi, altrimenti stia zitto e pensi a dare agli aquilani quelle risposte che attendono da mesi e su cui non ha proferito parola: dalle aree bianche alla sanatoria dei Map, dal cronoprogramma per il centro storico ai sottoservizi. Da parte mia ho intenzione di chiedere a Chiodi di predisporre un decreto che sancisca tempi certi per la presentazione e l’esame dei progetti relativi alla ricostruzione degli edifici E, perche’ anche su questo fronte va fatta chiarezza, confrontandosi con gli ordini professionali. E’ ora che i cittadini sappiano con certezza come, quando e dove sara’ il loro futuro”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi