Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, la ricostruzione in mostra a Siracusa

L’Aquila, la ricostruzione in mostra a Siracusa

Sono trascorsi tre anni e mezzo dal sisma che ha colpito l’Aquila, provocando oltre 300 morti. In Italia la terra ha tremato ancora, con conseguenze tragiche. Ultime, in ordine di tempo, le scosse verificatesi tra maggio e giugno di quest’anno in Emilia Romagna.

Morte e devastazione, intere città sfigurate dalla violenza di terremoti che trovano la popolazione impreparata, riaccendendo il dibattito sul tema della sicurezza e della conservazione in zona sismica. A L’Aquila, dopo il sisma, sono arrivati centinaia di professionisti impegnati in una difficile opera di ricostruzione. Tra loro, anche un gruppo di docenti e ricercatori, neolaureati e allievi della Facoltà di Architettura di Siracusa.

La loro esperienza umana e professionale è sintetizzata nella mostra “L’Aquila 6 aprile 2009. La ricerca e la didattica al servizio del territorio” inaugurata venerdì scorso nello spazio mostre di Piazza Federico di Svevia del capoluogo aretuseo. L’esposizione, organizzata in collaborazione con il Consorzio Universitario Archimede e l’Università degli Studi di Catania, racconta per immagini due anni di ricerca didattica e attività coordinate dalla prof.ssa Caterina Carocci, svolte per la maggior parte su due centri storici del cratere sismico abruzzese: Villa Sant’Angelo e Fossa.

 

“Il lavoro più prettamente di ricerca – spiega la prof.ssa Carocci – è stato svolto anche su alcuni edifici monumentali del centro storico dell’Aquila, oltre che come supporto tecnico-scientifico fornito alle due amministrazioni comunali per l’elaborazione dei Piani di ricostruzione”.
La partecipazione attiva degli allievi è poi stata tradotta in riflessione progettuale svolta all’interno dei Laboratori di Restauro e di Progetto negli anni accademici 2009/10 e 2010/11, e tramite l’elaborazione di una serie di lavori di tesi finale del corso di studi in Architettura.

La mostra sarà visitabile sino al 30 ottobre.

Da blog sicilia

Print Friendly, PDF & Email