Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Impresa e cultura: Nathalie Dompé sarà la nuova Presidente del Tsa

L’Aquila. Impresa e cultura: Nathalie Dompé sarà la nuova Presidente del Tsa

S0Y4822La senatrice Stefania Pezzopane rivolge gli auguri di buon lavoro a Nathalie Dompe’, in procinto di essere nominata Presidente del Tsa. “Una bella notizia. Ottima scelta. Conosco da tempo Nathalie – aggiunge la Pezzopane – e ne ho sempre apprezzato le grandi qualita’ umane e professionali. Ha tutte le carte in regola per contribuire al rilancio del nostro teatro, sia per le sue competenze specifiche, sia per l’esperienza maturata all’interno di un grande gruppo industriale, che non potra’ che giovare al futuro dell’Ente. Alla vigilia della nuova stagione teatrale, frutto del lavoro del direttore artistico Alessandro D’Alatri, ritengo che ci siano tutti i presupposti per iniziare bene una nuova fase, in attesa di vedere presto ultimati anche i lavori di ristrutturazione del Teatro comunale. Un ringraziamento – conclude la senatrice del Pd – va a Ezio Rainaldi, per il contributo che ha dato in questi anni. Gli auguri di buon lavoro e di buon inizio alla futura presidente e a tutta la squadra”.

La nomina non è ancora stata ufficializzata (si tratta di un atto di competenza della giunta regionale) e anche dall’azienda, per il momento, non è arrivata nessuna conferma. Ma tutto lascia pensare che sia solo una questione di giorni.
28 anni, milanese, figlia di Sergio, Nathalie Dompè è, attualmente, responsabile della Corporate Social Responsibility dell’azienda di famiglia, per la quale ha curato, in passato, iniziative e progetti legati al sociale. alcuni dei quali si sono svolti anche all’Aquila.

Laureata in economia alla Bocconi, poliglotta, Nathalie Dompè vanta anche, nel suo curriculum, studi teatrali compiuti alla Saint Martins di Londra. La scelta di nominarla presidente del più prestigioso ente teatrale regionale – divenuto, nella primavera scorsa, uno dei teatri nazionali di rilevante interesse culturale – va nella direzione indicata più volte dal direttore artistico Alessandro D’Alatri, quella di un maggior coinvolgimento degli attori privati nella gestione delle istituzioni culturali.

Print Friendly, PDF & Email