Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Fisco, Agenzia delle Entrate: allungare i tempi per accertare l’evasione

L’Aquila. Fisco, Agenzia delle Entrate: allungare i tempi per accertare l’evasione

“E’ necessario prevedere, se non il raddoppio, almeno un allungamento dei tempi per la decadenza per l’evasione fiscale che ha risvolti penali”. Lo ha detto all’Aquila il direttore generale dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi a margine di un convegno sulla corruzione parlando di un imminente varo del decreto delegato che attua la riforma fiscale sulle sanzioni. “Bisogna prevedere – ha detto – un allungamento dei tempi per le ipotesi di evasione piu’ insidiose e se non il raddoppio per tutte le tipologie almeno un allungamento cosi’ che si permetta di avere il tempo necessario per evitare che accertamenti complessi vengano vanificati dai tempi di prescrizione”.

Fisco: Orlandi, imprese italiane stanno rientrando in Italia

“C’e’ liberta’ di spostare la propria sede dove si ha l’attivita’ ma ci sono vari segnali da parte delle imprese che avevano scelto una sede fiscale estera di rientro in Italia”. Cosi’ il direttore dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi ha risposto a chi tra i presenti ad una tavola rotonda a L’Aquila aveva chiesto un parere sulla possibilita’ di rientro in Italia di imprese andate in luoghi in cui minore e’ la pressione fiscale. “Dopo il rientro del Gruppo Prada ce ne sono altri che stanno valutando di ritornare – ha aggiunto – ci vorrebbe un po’ di orgoglio di appartenenza al Paese. Pensate alla Mercedes fuori dalla Germania?”. In una successiva domanda in riferimento alla Fiat, Orlandi ha risposto: “Certo ci spiace della scelta di andare altrove, ma la Fiat ha spiegato le ragioni. Ma certo, anche dopo la vicenda del Lussemburgo e con la maggiore attenzione che c’e’ a livello europeo ci sono vari segnali di rientro. Mi piacerebbe pero’ anche segnare che serve orgoglio di appartenenza. In Germania ci sono le aliquote come quelle italiane eppure non credo che nessuno abbia immaginato che la Mercedes possa andare via dalla Germania”. Orlandi ha annunciato l’arrivo di decreti attutivi sull’abuso di diritto, sulle sanzioni e anche sulla cooperative compliance.

Print Friendly, PDF & Email