Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: edifici inagibili esenti da Imu grazie a emendamento

L’Aquila: edifici inagibili esenti da Imu grazie a emendamento

I fabbricati distrutti a seguito di ordinanze, perchè dichiarati inagibili dopo il terremoto del 2009 che ha colpito i Comuni dell’Abruzzo, sono esenti dall’Irpef, dall’Ires e dall’Imu «fino alla definitiva ricostruzione e agibilità dei fabbricati stessi». Lo prevede un emendamento al dl fiscale presentato dal relatore alla Commissione Finanze della Camera.
Il Commissario delegato alla ricostruzione e Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, ha espresso soddisfazione «per la presentazione da parte del relatore al decreto fiscale, Gianfranco Conte (Pdl), dell’emendamento per esentare gli immobili inagibili a causa del sisma dal pagamento delle imposte, compresa l’IMU». Nell’emendamento del relatore è stabilito che i redditi dei fabbricati, ubicati nelle zone colpite dal sisma del 6 aprile 2009, purchè distrutti o oggetto di ordinanze sindacali di sgombero in quanto inagibili totalmente o parzialmente, non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte dirette e dell’IMU. 
 «Èuna norma sacrosanta che recepisce le esigenze della nostra gente». Così Giovanni Lolli, deputato del Pd e primo firmatario dell’emendamento al Dl fiscale approvato in Commissione Finanze che esclude le case distrutte o disagiate dei Comuni abruzzesi colpiti dal terremoto dal pagamento di Irpef, Ires e Imu. «Sono molto soddisfatto – ha dichiarato Lolli – il mio era l’unico emendamento presentato per andare incontro alle necessità di una popolazione stremata dalle difficoltà del post-terremoto. È un segnale importante per la nostra Regione la disponibilità del governo». 

Print Friendly, PDF & Email