Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: da giochi 2 mld per ricostruzione

L’Aquila: da giochi 2 mld per ricostruzione

Nei tre anni trascorsi dal terremoto dell’Abruzzo i giochi hanno prodotto un incremento di gettito di 2 miliardi, destinati a finanziare la ricostruzione. Con il decreto 39 del 2009 – ricorda l’agenzia Agicos – il cosiddetto decreto pro Abruzzo, il governo decise, infatti, di reperire risorse anche attraverso il lancio di nuovi giochi, stabilendo che i nuovi prodotti dovessero “assicurare maggiori entrate non inferiori a 500 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2009”. Autorizzo’ quindi il lancio di una serie di prodotti: Gratta e Vinci dedicati, WinForLife, nuove versioni del Lotto, le videolottery, la scommessa ippica V7, il poker cash e i casino online, le scommesse tra giocatori (betting exchange), quelle su eventi virtuali e quelle personalizzate, e i giochi a consumo. Alcuni di questi giochi, in realta’ – precisa Agicos – ancora non sono stati lanciati: con il decreto fiscale votato ieri dal Senato e’ arrivato lo stop alle lotterie a consumo. Altri, invece, come il betting exchange e le scommesse su eventi virtuali, arriveranno a breve: i relativi decreti sono al vaglio della Commissione Europea. Altri ancora, tuttavia, non hanno prodotto gli effetti sperati: la V7 e’ stato un flop, tanto che e’ cessata nel luglio 2011. Anche la lotteria istantanea Gratta Quiz non ha avuto un particolare successo. Nel caso del bingo, infine, si e’ abbattuto il prelievo fiscale per consentire l’innalzamento della quota destinata a premi, ma l’aumento delle giocate non e’ stato tale da compensare la perdita di gettito.
Il contributo maggiore alla ricostruzione e’ cosi’ arrivato, riferisce la nota, dalle Videolottery (le slot di ultima generazione che permettono vincite fino a 500 mila euro), che fino a oggi hanno versato nelle casse dello Stato 1,4 miliardi, dal WinForLife (320 milioni) e dalle nuove versioni del Lotto (200 milioni).

Print Friendly, PDF & Email