Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Cultura, il consiglio regionale rende disponibili i fondi 2014 per il Tsa

L’Aquila. Cultura, il consiglio regionale rende disponibili i fondi 2014 per il Tsa

Il Consiglio Regionale d’Abruzzo ha approvato il progetto di legge che rende disponibili per l’Ente Teatrale Regionale Teatro Stabile d’Abruzzo i fondi gia’ stanziati per il 2014, allineando la normativa al dettato europeo in materia di aiuti di stato destinati a sostenere lo spettacolo dal vivo. Lo afferma in una nota lo stesso Ente teatrale. “E’ un atto che mette in luce la sensibilita’ dell’intero Consiglio Regionale ed in esso il consigliere Pierpaolo Pietrucci, firmatario della Legge, nei confronti del Settore Cultura che e’ da sempre una componente essenziale della societa’ abruzzese. – ha affermato il presidente del Teatro Stabile d’Abruzzo Ezio Rainaldi -. In risposta a difficolta’ di natura tecnico-contabile, create dalla normativa europea, la volonta’ di risolvere i conflitti burocratici e’ stata espressa con immediatezza. Rendere disponibili le somme previste per la vita di un Ente di eccellenza per l’intera regione significa far lavorare con tranquillita’ il TSA che, proprio in questi momenti, e’ alle prese con l’articolazione del nuovo progetto triennale. A fronte dei successi di questi giorni – ha aggiunto – che vanno dalla magnifica apertura della Stagione Teatrale Aquilana con lo spettacolo di danza “Le Quattro Stagioni” e la commedia di De Filippo “Uomo e Galantuomo” che hanno registrato il “tutto esaurito”, all’ottimo esito degli spettacoli programmati in tutta Italia: e’ solo di ieri il debutto all’Auditorium della Conciliazione di Roma del musical “Aggiungi un posto a tavola” (coprodotto con la giovane Compagnia dell’Alba di Ortona) per i 40 anni dell’opera ed il sold out continuo del “Don Giovanni” con Alessandro Preziosi nelle principali citta’ italiane, ad una rassegna stampa nazionale corposa ed entusiasta, ci auguriamo che si possa al piu’ presto procedere anche per reintegrare la contribuzione regionale falcidiata dai numerosi tagli. Noi – ha concluso – crediamo fermamente che l’intero sistema culturale abruzzese possa rappresentare la piu’ credibile “ambasciata” per il nostro territorio, ci devono credere anche i nostri Amministratori”.

Print Friendly, PDF & Email