Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila. Confcommercio: presentato il marchio d’area turistico Gal

L’Aquila. Confcommercio: presentato il marchio d’area turistico Gal

Nei locali aquilani della sede di Confcommercio, ieri è stato presentato il Progetto per la realizzazione di un Marchio d’Area turistico “Un Territorio da scoprire – L’Abruzzo che non ti aspetti” che va a interessare le aree ricadenti sotto la giurisdizione del GAL Gran Sasso Velino. Il Presidente Provinciale Roberto Donatelli e il Direttore Regionale Celso Cioni hanno fatto gli onori di casa e coordinato i lavori alla presenza di un folto pubblico interessato a questa iniziativa, tesa alla valorizzazione delle tipicità delle zone rurali.

Il titolo del seminario “Uniti alla meta” è stato altamente significativo, in quanto l’obiettivo dichiarato è quello di mettere a fattor comune le eccellenze di cui sono ricchi i nostri territori, per poter offrire a tutti coloro che volessero scoprire le nostre aree interne un ventaglio di interessanti proposte di accoglienza. Impreziosito anche dai contributi di Bruno Petrei, Presidente del GAL Gran Sasso Velino, e del Presidente della Camera di Commercio della Provincia di L’Aquila Lorenzo Santilli, l’incontro si è articolato in tre fasi, grazie agli interventi di chi, a vario titolo, si occupa del progetto. La responsabile, Maria Irene Sulpizio, ha illustrato il logo, la sua genesi e le motivazioni che hanno indotto a scegliere la strada dell’aggregazione per raggiungere gli obiettivi di sviluppo e creazione di opportunità lavorative.

Sandro Pascarelli, metodologo ed esperto di processi di qualità, si è soffermato sulle analisi del territorio che indirizzano le scelte di progetto, oltre che delle varie fasi della sua realizzazione. A chiudere i lavori, Maria Luisa Serripierro, ha condotto i presenti alla scoperta di alcuni itinerari per la valorizzazione turistica di quanto di buono si riesce a trovare nella Provincia Aquilana, dai manufatti artigianali alle eccellenze enogastronomiche, dalle bellezze naturali alle attrattive storico culturali.

Print Friendly, PDF & Email