Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: Cialente, orgogliosi di essere italiani anche se messi all’angolo

L’Aquila: Cialente, orgogliosi di essere italiani anche se messi all’angolo

Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, è uscito dalla vecchia sede del Comune che aveva occupato questa mattina, per tenere il suo discorso in occasione del 150/o anniversario dell’Unità d’Italia.

 

Massimo Cialente indossava la fascia tricolore. “Mi rivolgo al Presidente della Repubblica per dire che se c’é qualcuno che oggi si sente orgoglioso di essere italiano e che fa gli auguri più cari agli italiani e alle italiane, questo è il popolo aquilano”.”Noi siamo i testimoni che l’Italia è un grande Paese – ha detto Cialente –  e che due anni fa, aiutandoci, ne ha dato prova. Cominciando dalle forze dell’ordine, l’Esercito, i vigili del fuoco e i volontari della protezione Civile che sono venuti da tutta Italia”. Tra la folla molte persone intonavano, rivolti al sindaco, lo slogan “Non ti dimettere”.
Riguardo le dimissioni del sindaco Massimo Cialente, il presidente della Provincia, Antonio Del Corvo, nel suo intervento ha detto “mi fa piacere vedere il sindaco con la fascia tricolore, spero che ritiri le dimissioni perché un commissario, in questo momento, non sarebbe una cosa buona”.

Cialente: “mi sento messo all’angolo, non come sindaco, ma come aquilano”
“Non si va ad un matrimonio quando si ha un casa un lutto e la disperazione”, lo ha detto il sindaco dimissionario dell’Aquila Massimo Cialente che in questo momento si trova all’interno della sede diroccata del vecchio comune distrutto dopo il sisma del 6 aprile 2009.
Riguardo alle dimissioni Cialente ha detto: “Ritirare o meno le dimissioni dipende dalle condizioni della città, in questo momento la città mi sta chiedendo pesantemente questa cosa”, cioé di ritirarle, come ha fatto intendere. “Non come sindaco, ma come aquilano, mi sento messo all’angolo soprattutto guardando i giovani di questa città che sembrano non avere prospettive. Non voglio essere complice di questo omicidiò.
Davanti al vecchio comune diroccato ci sono centinaia di persone con bandiere tricolori ed una bandiera di 25 metri è stata issata sulla torre civica.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi