Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila, Asl: 200 mln da Servizio sanitario per spese 2011

L’Aquila, Asl: 200 mln da Servizio sanitario per spese 2011

La Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila non supererà il tetto di spesa per il personale. D’Amico, precari andranno a casa
La Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila é abbondantemente all’interno del tetto di spesa per il personale, a qualunque titolo assunto, che è di circa 200 milioni di euro annui,

 

 fissato in base al piano di rientro economico. Lo ha detto il Direttore generale della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, Giancarlo Silveri.
“Non è previsto un aumento di spesa per il personale nel suo complesso: ciò significa che la Asl procederà alla sostituzione del personale assunto a tempo determinato con personale assunto a tempo indeterminato. Non abbiamo la necessità, come qualcuno ha equivocato, di attingere fondi da nessuna parte: i soldi messi a disposizione dal Servizio sanitario sono ampiamente sufficienti a coprire tutte le spese dell’azienda per il 2011, ivi comprese ovviamente quelle del personale”.
“Si procederà, infatti, in modo graduale – ha proseguito Silveri – alla sostituzione dei contratti a tempo determinato con quelli a tempo indeterminato: operazione che consentirà alla nostra Asl di rimanere, come già evidenziato, nel tetto di spesa fissato per il personale precario. Tetto di spesa previsto dalla legge ed emendato dall’ultimo decreto del Governo. Sorprendono, infine, alcune letture inesatte e fuorvianti, date sul decreto stesso, che non corrispondono a verità e ingenerano solo falsi allarmismi”.

Precari Asl, D’Amico: “provvedimento del Governo inutile. Così i precari andranno a casa”
«L’unica cosa certa è che i precari della Asl della Provincia dell’Aquila andranno a casa. La norma prevista dal governo è assolutamente inutile perché prevede di spostare il tetto per la spesa del lavoro precario del 2010 e di coprire il maggior onore con i soldi del terremoto, cosa assurda e inaccettabile». Lo ha affermato il vicepresidente del consiglio regionale Giovanni D’Amico in merito al provvedimento del governo e della Regione che avrebbe dovuto evitare il licenziamento dei precari sul territorio. In realtà per le Asl abruzzesi, secondo D’Amico, si pone un problema giuridico non un problema di maggior onore, in quanto la spesa è già prevista nel tetto di onori delle Aziende sanitarie. «Il decreto 10 del 2011 del commissario Gianni Chiodi99, spiega D’Amico, «consente ai direttori delle Asl di coprire i servizi ma con personale prelevato dalla mobilità esterna e di cessare rapporti con i precari. La proposta mia e del gruppo consigliare del Partito democratico era invece tesa a non interrompere i servizi grazie alla proroga dei contratti precari per tutto il 2011. In questo modo si poteva trovare una soluzione che riutilizzasse le competenze e le professionalità acquisite dai medici e dal personale precario in anni di lavoro. Tale norma è stata osteggiata dal centro destra al punto di non essere neppure messa a votazione in consiglio regionale. Le stesse organizzazioni sindacali hanno riposto fiducia nel decreto del commissario commettendo un grande errore. A nome mio e di tutto il gruppo consigliare del Pd l’assoluta necessità di riprendere in considerazione quella norma da parte del consiglio al fine di consentire la salvaguardia piena dei servizi e del personale precario».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi