Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaL’Aquila: Antitrust dà ragione a piccoli confidi abruzzesi

L’Aquila: Antitrust dà ragione a piccoli confidi abruzzesi

 ‘L’Antitrust da’ ragione ai piccoli Confidi Abruzzesi’ L’Autorita’ Garante della Concorrenza e del Mercato ha accolto il ricorso di alcune cooperative di garanzia contro le disposizioni di attuazione della Legge Regionale Abruzzo 37/2010 in materia di Confidi. Il ricorso è stato presentato dai seguenti Confidi: Assoconfidi Imprese, Cooperativa Artigiana di Garanzia Città di Avezzano e Provincia, Cooperfidi Abruzzo, Consorzio di Garanzia Collettiva Fidi Finart, Libera Cooperativa di Garanzia dell’Aquila, Confidi Credito e Sviluppo Ortona (CH), Cooperativa di Garanzia Fidi Commercio e Turismo Provincia di Pescara, AscomFidi Sulmona S.C.p.A., Confidi Finascom L’Aquila, Cooperativa Artigiana di Garanzia Città di Teramo e Provincia, Edilconfidi l’Aquila,Con tale parere l’Autorita’ Garante ha pienamente accolto la segnalazione amministrativa formulata dall’Avv. Vanna Pizzi, la quale ha rappresentato le giuste ragioni di vari Confidi presenti nel territorio abruzzese a lei rivoltisi al fine di ottenere giustizia. Tra i Confidi promotori del procedimento si annoverano: Assoconfidi Imprese, Coop. Artigiana di Garanzia Citta’ di Avezzano e Prov., Cooperfidi Abruzzo, Consorzio di Garanzia collettiva Fidi Finart, Libera Cooperativa di Garanzia dell’Aquila, Confidi credito e sviluppo Ortona (CH), Coop Garanzia Fidi comm. E turismo prov. Pescara, AscomFidi Sulmona S.C.p.A.; Confidi Finascom L’Aquila, Coop Artigiana di Garanzia Citta’ di Teramo e Prov., Edilconfidi l’Aquila. Il provvedimento indicato, ha quindi pienamente confermato le critiche in fatto e diritto sollevate avverso la normativa Regionale in questione (DGR 947/2011), la quale risulta essere fortemente restrittiva della concorrenza, laddove recependo le disposizioni primarie ed anch’esse restrittive dettate dalla L.R. 37/2010 ‘Nuova legge organica in materia di Confidi’ IMPONE, quali requisiti per l’accesso ai contributi regionali, limiti territoriali e di anzianita’ operativa, nonche’ requisiti patrimoniali storici. Ma vi e’ di pi, L’Antitrust esercitato il suo potere di segnalazione contro la Delibera della Giunta Regionale dell’Abruzzo ha anche sottolineato che e’ OBBLIGO della Giunta stessa DISAPPLICARE la Delibera, invitandola a porre in essere le opportune misure al fine di ripristinare corrette dinamiche concorrenziali rispetto all’attivita’ di concessione dei contributi di garanzia fidi. Si deduce chiaramente che la Pubblica Amministrazione ha emanato atti in violazione delle norme a tutela della concorrenza e del mercato e per tali motivi la Giunta Regionale dell’Abruzzo e’ stata gia’ formalmente preavvertita dall’Antitrust che nel caso in cui essa non si conformi alle indicazioni fornite nel parere, l’Autorita’ potra’ presentare tramite l’Avvocatura dello Stato apposito ricorso avverso la stessa Pubblica amministrazione rimasta inadempiente.

Print Friendly, PDF & Email