Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiLanciano. Verso manifestazione “No Ombrina”. Coldiretti e Anci: “Fermare le trivelle”

Lanciano. Verso manifestazione “No Ombrina”. Coldiretti e Anci: “Fermare le trivelle”

“L’Abruzzo ha da anni consolidato le proprie scelte strategiche destinando ampi territori a parchi e riserve, sviluppando l’agricoltura e i prodotti enogastronomici, valorizzando il turismo costiero e montano all’insegna della sostenibilità ambientale. E’ in queste scelte la posizione da prendere  sul tema Ombrina mare”. Coldiretti Chieti interviene nella querelle sulla piattaforma che dovrebbe sorgere al largo della Costa dei Trabocchi e che sta suscitando una serie di reazioni e di preoccupazioni. “La piattaforma non va in questa direzione ed è per questo che Coldiretti non può non essere a fianco di chi tutela un patrimonio marino che tutto il mondo ci invidia – dice Gabriel Battistelli, direttore Coldiretti Chieti – La sola idea di trivellare il mare di Vasto è irragionevole. Le acque abruzzesi devono conservare la bellezza che ha contraddistinto lo sviluppo turistico della costa dove la pesca, l’agricoltura e il paesaggio sono il valore aggiunto di un patrimonio unico. I nostri agriturismi si sono sviluppati nella possibilità di vivere il mare, la campagna e la montagna: mettere una trivella e una piattaforma per trent’anni  in mezzo al mare significa comunque deturpare il patrimonio ambientale, ridurre le possibilità di sviluppo dei settori trainanti dell’agricoltura abruzzese. Credo – conclude Battistelli – che la vocazione del nostro territorio sia e debba rimanere un’altra, quella turistica e di rispetto ambientale e perché questo avvenga, pesca e turismo vanno tutelati, e non depauperati a causa di interventi incomprensibili. Fermare le trivelle nell’Adriatico significa salvaguardare gli interessi della salute, dell’ambiente e dell’economia del nostro territorio, cioè gli interessi di ognuno di noi, motivo per cui l’ultima parola dovrebbe essere prerogativa di chi quel territorio lo vive».
 E’ Luciano Lapenna a ribadire la volonta’ di dire no a Ombrina da parte di Anci-Abruzzo, associazione regionale dei Comuni da lui presieduta. 
   “Del tema abbiamo discusso stamane – annuncia Lapenna, sindaco di Vasto – nella riunione del direttivo Anci Abruzzo. Abbiamo, in quella sede affrontato il tema delle autorizzazioni alle trivelle di fronte alle coste abruzzesi ed in particolare il caso eclatante di Ombrina mare. Ribadiamo che la scelta va contro la vocazione turistica dell’area, ed e’ quindi incompatibile con l’istallazione di impianti e piattaforme che hanno un alto livello d’impatto ambientale e di deturpazione del bene mare. La nostra posizione e’ chiara – prosegue Lapenna – ribadiamo al governo che si possono dire dei no. Il direttivo Anci dunque aderisce all’iniziativa e alla manifestazione del 23 prossimo a Lanciano insieme alle altre associazioni ed enti, che vedono in primis presente la Regione Abruzzo e invita alla mobilitazione gli enti locali e i cittadini della nostra regione a sostenere, a gran voce, le ragioni che possano portare ad un ripensamento delle scelte fino ad ora compiute sul tanto contestato ed indesiderato insediamento per le estrazioni petrolifere”.

Print Friendly, PDF & Email

Tags

Condividi