Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiLanciano. Agroalimenta, con Coldiretti oasi del chilometro zero

Lanciano. Agroalimenta, con Coldiretti oasi del chilometro zero

Un posto d’onore per il Mercato di Campagna Amica all’interno della XVI edizione di Agroalimenta, la rassegna di prodotti tipici alimentari d’Abruzzo che ha aperto i battenti oggi a Lanciano e resterà aperta fino a domenica 23 novembre. Sono ben 14 le aziende di Coldiretti presenti nell’area di Campagna Amica allestita nel padiglione 2 del polo fieristico di località Iconicella. Una vera e propria oasi del chilometro zero con ogni genere di prodotto a filiera corta dai più tradizionali a quelli più ricercati e innovativi: birra agricola, olio extravergine di oliva, vino, salumi e formaggi, zafferano, cosmetici di latte d’asina, pasta e farine speciali, dolci da forno, tartufi, uova di quaglia e lumache. “La presenza di un mercato di Campagna amica è stato fortemente voluto dagli organizzatori della rassegna – dice Giordano Nasini, direttore Coldiretti Chieti – questo, conferma la grande attenzione del consumatore e le numerose aspettative, nei confronti del marchio promosso da Coldiretti per la costruzione della filiera agricola italiana, oltre alla grande sensibilità nei confronti del cibo made in Italy. Pertanto, abbiamo proposto un’isola completa delle produzioni tipiche regionali con prodotti nuovi e di nicchia che stanno trovando, affianco a quelli tradizionali, nuove ed importanti fette di mercato, suscitando molta curiosità e interesse tra i consumatori attenti alla qualità e alla sana alimentazione”. In occasione di Agroalimenta, Coldiretti Chieti ha lanciato in provincia di Chieti la petizione per la pizza made in Italy, riscuotendo subito l’interesse di centinaia di consumatori che hanno subito firmato la petizione. “La petizione – evidenzia Nasini –  è stata promossa da Coldiretti per fare definitivamente chiarezza sull’origine italiana degli ingredienti e sulle modalità di preparazione della pizza e garantirne le condizioni igieniche e sanitarie ottimali. Troppo spesso, infatti, viene servito un prodotto preparato con ingredienti provenienti da fuori Italia”.

Print Friendly, PDF & Email