Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeLa net economy rilancia il Telelavoro: un appuntamento da non perdere

La net economy rilancia il Telelavoro: un appuntamento da non perdere

di Tiziana Paris*

 

IL PROGETTO

A partire dal mese di marzo la Scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli ha avviato un importante studio per conto della Regione Abruzzo dal titolo: “Ricerca per lo sviluppo di una metodologia di telelavoro applicabile alla realtà socio-economica regionale“. Lo scopo della ricerca è quello di individuare nuove metodologie di sviluppo del territorio abruzzese attraverso soluzioni di telelavoro e nuovi paradigmi culturali e imprenditoriali in linea con la net economy. I risultati consentiranno di individuare i modelli di telelavoro più idonei alla cultura del territorio abruzzese e alle infrastrutture in dotazione oggi nelle aziende. I risultati saranno presentati il 30 novembre in un convegno che si terrà presso la Scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli e successivamente pubblicati sul sito web della SSGRR .(www.ssgrr.it) .

La ricerca partendo dall’analisi dello scenario socio-economico del territorio abruzzese, ha individuato aree di sviluppo fortemente differenziate e settori economici che più di altri presentano le caratteristiche idonee per introdurre soluzione evolute di telelavoro.

La ricerca è proseguita quindi con l’individuazione di un campione rappresentativo delle imprese abruzzesi per localizzazione geografica e dimensione. Ciò ha consentito nei mesi di maggio e giugno di avviare un’indagine conoscitiva che ha visto il prezioso coinvolgimento di 1224 imprenditori, ottenendo risultati particolarmente interessanti. La SSGRR potendo contare su infrastrutture tecnologiche e personale qualificato, ha attrezzato al proprio interno un contact center evoluto, ha organizzato un pool di ricercatori, professionisti nel contatto telefonico e nella tematica specifica, ed un sistema di monitoraggio dell’indagine.

Allo scopo di arricchire ulteriormente i risultati della ricerca si sta organizzando un incontro rivolto ad un numero selezionato di opinion leader del contesto locale, adottando per l’occasione la tecnica del “focus group” Anche in questo caso l’evento ha luogo nella SSGRR il 9 ottobre e vede il coinvolgimento di uno psicologo ed un team di sociologi. I risultati emersi dal focus group faranno parte integrante del rapporto di ricerca che sarà presentato nel corso del convegno di novembre.

Il convegno vedrà la partecipazione dei docenti della SSGRR che hanno lavorato al progetto, ed esperti del settore provenienti dalle Università, dalle Aziende e dal settore pubblico.

 

Per informazioni sul progetto ed il convegno potete rivolgervi a Tiziana Paris (0862-336477) e Brigida Iarussi (0862-336300).

 

PER SAPERNE DI PIÙ

Il telelavoro, grazie alla sempre maggiore diffusione di internet, allo sviluppo di portali e di siti web evoluti, permette agli individui e alle organizzazioni una maggiore flessibilità spaziale e temporale nello svolgimento delle attività, la possibilità di utilizzare le migliori professionalità disponibili sul mercato a prescindere dalla loro collocazione territoriale,  un presidio capillare del territorio, oltre a nuove opportunità di businessIl telelavoro non è un fenomeno omogeneo che può essere ricondotto ad un’unica forma organizzativa. Esistono infatti diverse tipologie di telelavoro, dipendenti dal luogo ove viene espletata la prestazione.

Telelavoro a domicilio: Quando il lavoratore dipendente o libero professionista, utilizzando internet per comunicare con i referenti del lavoro, svolge – in modo costante o saltuario – la propria attività da casa.

Telelavoro da telecentro: Quando il lavoratore si reca in un centro multimediale interattivo per lavorare utilizzando la rete Internet. Il telecentro può essere di proprietà di una singola impresa, di un consorzio di aziende, o anche della pubblica amministrazione.

Telelavoro mobile: Quando il lavoratore grazie a una strumentazione tecnologica portatile (PC, fax-modem e telefono cellulare) può svolgere la propria attività ovunque serva, ad esempio nelle sedi dei clienti. I telelavoratori mobili sono tipicamente figure professionali soggette a un’elevata mobilità sul territorio.

Telelavoro Office-to-Office: Quando un gruppo di lavoro è composto da persone dislocate in varie regioni o parti del mondo, e lavorano insieme grazie a tecniche di groupware o tramite Internet.

Il Telelavoro nel settore pubblico e privato presenta oggi delle testimonianze interessanti; per saperne di più, troverete nel sito della SSGRR link di approfondimento: www.ssgrr.it

* Responsabile del progetto Telelavoro e docente dell’Area Business Management S.S.G.R.R.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi