Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Via libera allo Spid, il Pin Unico che permetterà l’accesso con’un unica chiave a tutti i servizi pubblici online

Italia. Via libera allo Spid, il Pin Unico che permetterà l’accesso con’un unica chiave a tutti i servizi pubblici online

Sono pronte le regole per lo Spid, le istruzione per l’uso del cosiddetto ‘Pin unico’ siglate dall’Agid, in accordo con il Garante della Privacy. Il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale permetterà l’accesso con un’unica chiave, o lucchetto (è questo il logo), ai servizi online della P.A, dal fisco alla sanità.

Si tratta di quattro regolamenti che danno la linea su tempi e procedure. “Grazie ad un’efficace e proficua attività di collaborazione con il Garante per la Protezione dei Dati Personali”, spiega l’Agid, sono stati emanati i provvedimenti relativi alle caratteristiche dello Spid; ai tempi e alle modalità di adozione del sistema da parte delle Pubbliche Amministrazioni e delle imprese; all’accreditamento dei gestori di identità digitale; e alle regole necessarie agli identity provider per il riuso delle identità digitali già esistenti. Insomma si chiude il quadro che fissa le regole e l’architettura di Spid. “Il confronto tra Agid e il Garante ha permesso di arrivare ad una definizione condivisa delle caratteristiche e delle modalità di adozione del Sistema pubblico di identità digitale grazie all’integrazione delle regole tecniche con le osservazioni relative ai profili di specifica competenza del Garante”, sottolinea la stessa Agenzia per l’Italia digitale. Non finisce qui: “data l’importanza strategica del sistema Spid per l’intero percorso di digitalizzazione del Paese”, l’Agenzia guidata da Antonio Samaritani evidenzia come continuerà a lavorare insieme al Garante “per assicurare l’allineamento dei regolamenti e delle soluzioni tecniche con le esigenze di sicurezza e garanzia di protezione dei dati, anche nelle successive fasi legate alla realizzazione, allo sviluppo e all’implementazione del sistema”.

Agid, a dicembre la prima identità digitale – “La prima identità digitale sarà rilasciata a dicembre, questo è il nostro obiettivo”. Così il dg Agid, Antonio Samaritani, all’ANSA dopo la pubblicazione dei regolamenti che “completano la fase progettuale” di Spid, l’identità digitale. “Siamo a un punto di svolta”, spiega. E dal 15 settembre si apre l’accreditamento per i gestori di Spid. “Ora è finita la parte di stesura delle regole, che ha fatto seguito a un processo di sperimentazione”, in cui sono state coinvolte amministrazioni pilota, evidenzia il direttore generale dell’Agid. “Adesso che i documenti sono stati pubblicati – chiarisce – la prossima tappa è quella del 15 settembre, quando gli identity provider interessati potranno fare domanda per l’accreditamento”. I regolamenti definiscono le caratteristiche che devono avere i soggetti che si candidano come gestori dell’identità digitale (una volta che l’Agid ha verificato che rispettano le regole, verranno abilitati a rilasciare Spid). “L’Agid, dal 15 settembre, ha 180 giorni di tempo massimo, quindi marzo 2016, per analizzare le richieste che arriveranno ma il nostro obiettivo è di chiudere prima, appunto per dicembre”. Dunque “entro la fine dell’anno” il sistema partirà e “si comincerà dalle amministrazioni che hanno condotto la fase di test: sei Regioni (Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Liguria, Marche, Friuli Venezia Giulia) oltre all’Agenzia delle Entrate, l’Inps e l’Inail permetteranno l’accesso ai propri servizi tramite Spid. Alla domanda se si è in ritardo rispetto alla tabella di marcia indicata nell’Agenda per la Semplificazione, almeno tre milioni di utenti con Spid entro l’autunno del 2015, Samaritani risponde: “è una partita aperta, d’altra parte le credenziali d’accesso gestite dalle singole amministrazioni pilota sono più di tre milioni. Ora abbiamo un regolamento tecnico che definisce tutti i passaggi da fare per trasformare le credenziali d’accesso delle singole amministrazioni, in identità Spid”.

Samaritani (Agid), Spid di base sarà gratuito – Lo Spid, il sistema pubblico di identità digitale, meglio conosciuto come Pin unico, sarà “a costo zero per il cittadino”. Così il direttore generale dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), Antonio Samaritani, all’ANSA. Quindi, lo ‘Spid base’ verrà rilasciato gratis a cittadini e imprese. Infatti, precisa Samaritani, la gratuità riguarda “l’identità digitale di tipo uno e due”, ovvero che corrisponde ai primi due livelli di sicurezza, quelli che permetteranno al cittadino di accedere alla maggior parte dei servizi digitali della P.A, al livello tre invece è associato un supporto materiale, una ‘smart card’.

Print Friendly, PDF & Email

Tags

Condividi