Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Ricostruzione post sisma: dietrofont UE, non coprirà il 100%

Italia. Ricostruzione post sisma: dietrofont UE, non coprirà il 100%

Solidarietà e unità: parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell’Ue, dove sei Paesi – Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia – nel giorno della Brexit, si sono schierati col Regno Unito, mettendosi di traverso sulla proposta della Commissione europea, che consentiva di finanziare al 100% la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto nel centro Italia, con i fondi europei, e senza aggravi per il budget dell’Unione. Il risultato dell’incontro, dove i sette Paesi hanno rovesciato le proprie riserve sul tavolo, è stata una revisione al ribasso della proposta dell’esecutivo comunitario, con l’ introduzione di un’aliquota di cofinanziamento nazionale del 10%. E sebbene la decisione di oggi non chiuda la partita, poiché il negoziato col Parlamento europeo può ancora cambiare le carte in tavola, quanto avvenuto, per descriverlo con le parole del vicepresidente della commissione per lo Sviluppo regionale dell’Eurocamera Andrea Cozzolino (Pd-S&D) “è stato un gesto di puro ed insensato egoismo, che lascia perplessi”. Ora “vedremo come trovare un accordo”, ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, evidenziando: “In questi momenti credo che la solidarietà debba prevalere”. Il rappresentante permanente italiano, l’ambasciatore Maurizio Massari, ha definito la discussione avuta con i colleghi “surreale”, ed ha parlato di occasione mancata. L’iniziativa infatti era “un atto importante di solidarietà politica verso le nostre popolazioni terremotate”. Ma non aggiungeva fondi o criteri. “Non era una questione di soldi, ma di principi”. Tra l’altro, la modifica del Regolamento, che permetteva il finanziamento totale delle spese con risorse già assegnate col Fondo europeo di sviluppo regionale (in tutto 20,6 miliardi, per l’Italia, per il periodo 2014-2020) – sebbene pensato in prima battuta per l’Italia, sarebbe stata comunque ad uso e consumo di tutti gli Stati membri, in caso di necessità. Per il capogruppo dei socialisti e democratici (S&D) al Parlamento europeo, Gianni Pittella, la presa di posizione dei sette Paesi è stata “imbarazzante e vergognosa”. “Siamo scandalizzati. Ne parleremo sicuramente nella prossima sessione a Strasburgo”, ha avvertito il vicepresidente dell’ Eurocamera David Sassoli.

Print Friendly, PDF & Email