Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, olio: ogni anno truffe per 1,5mld

Italia, olio: ogni anno truffe per 1,5mld

“Esprimiamo il piu’ vivo apprezzamento per l’operazione condotta dal Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualita’ e repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf), del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, in collaborazione con la Guardia di Finanza di Siena, che ha portato al sequestro di oltre 80 mila quintali di falso olio extravergine ‘made in Italy’. In questo modo si e’ salvaguardato un prodotto simbolo della qualita’ agroalimentare italiana, tutelando sia i consumatori che gli agricoltori del nostro Paese”. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi a commento dell’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Siena e denominata operazione “Arbequino”. “In Italia il volume della frode alimentare -ha aggiunto Politi- si aggira intorno ai 4 miliardi di euro l’anno. Solo nel settore dell’olio extravergine raggiunge il miliardo e mezzo di euro. E proprio l’olio extravergine contraffatto e’ un grave problema per l’olivicoltura italiana, che ha visto nei mesi scorsi crollare i prezzi dell’olio extravergine e delle olive”. “Per questa ragione ribadiamo l’esigenza -ha rimarcato il presidente della Cia- della ‘tolleranza zero” per chi sofistica e inquina gli alimenti, attentando alla salute pubblica. Allo stesso tempo, nell’apprezzare il lavoro delle forze dell’ordine, chiediamo di rendere sempre piu’ rigorosi i controlli e di intensificare la lotta alle falsificazioni che ingannano i consumatori, penalizzano i produttori e infangano il ‘made in Italy’. E’, quindi, di grande rilevanza la tracciabilita’ e l’origine del prodotto. Temi sui quali ci battiamo da sempre”. “Occorrono -ha concluso Politi- misure drastiche per contrastare l’adulterazione e la truffa nell’alimentazione. E’ necessaria la massima fermezza contro chi, attraverso azioni criminali, fraudolente e illegali, mette a repentaglio la salute dei cittadini e provoca gravi danni alla stessa credibilita’ del settore agroalimentare italiano.

Print Friendly, PDF & Email