Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia – Iran, sospeso l’embargo scatta il business: la prima intesa la firma Trieste

Italia – Iran, sospeso l’embargo scatta il business: la prima intesa la firma Trieste

La fine dell’embargo all’Iran apre il business. Il primo colpo da 10 miliardi di euro lo mette a segno l’Airbus: il colosso con sede francese e comando mezzo tedesco, figlio degli annosi incentivi e sgravi fiscali europei, piazza subito 114 aerei di aviazione civile in acconto ai 500 attesi dall’aviazione irachena.

L’Italia fa la sua parte ma come braccio dell’Onu: a siglare un accordo sulle biotecnologie è l’ICGEB del Parco scientifico e tecnologico di Trieste che, non a caso, lavora su mandato dell’Onu per l’avanzamento scientifico delle nazioni in via di sviluppo. Specializzato sul trasferimento tecnologico di farmaci fuori brevetto formerà gli scienziati iraniani affinché l’Iran diventi autonomo nella preparazione del famoso ormone della crescita: per questo offrirà i servizi di innovazione per le imprese nonché l’uso delle dotazioni tecnologiche di cui dispone (esempio gli acceleratori usati anche dai centri privati per creare e testare prodotti)

Al Paese che ha il tasso di scolarizzazione più alto del mondo islamico, saranno invece i Francesi ad offrire il proprio pacchetto di know how attraverso le proprie Università.
Da ultimo, il mercato dell’elettronica: 77 milioni di persone aspettano cellulari e computer.
Ora che l’Agenzia internazionale ha garantito che il 98% del combustibile nucleare iraniano è stato ceduto alla Russia e che centrifughe e reattori sono stati smantellati, si aprono le danze europee con la stagione delle intese.
Se “l’Iran disporrà di centinaia di miliardi di dollari, con i quali potrà rilanciare i meccanismi del terrorismo, il suo espansionismo e la sua aggressività in Medio Oriente e in tutto il mondo” o si lascerà solo colonizzare dagli imperialisti la storia lo ha già scritto in diverse pagine.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi