Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, incubo Imu e Tares per chi possiede un capannone

Italia, incubo Imu e Tares per chi possiede un capannone

 Incubo Imu e Tares per chi possiede un capannone. Secondo la Cgia di Mestre tra il previsto rincaro dell’Imu e l’introduzione della Tares, “gli aumenti di imposta rispetto al 2012 si annunciano molto pesanti” e oscilleranno “tra i 459 e i 623 euro per un capannone di 500 mq; tra i 998 e i 1.444 euro per uno di 1.000 mq; tra i 1.877 e i 2.591 euro nel caso di un fabbricato di 2.000 mq”. Spiega la Cgia che “nel 2013 l’Imu sui capannoni sara’ piu’ gravosa anche nel caso in cui l’aliquota rimanga quella applicata nel 2012, in quanto il coefficiente moltiplicatore utilizzato per la determinazione della base imponibile passera’ da 60 a 65”
In questa analisi sono state fatte due ipotesi. La prima: viene utilizzata l’aliquota media nazionale applicata nel 2012 (9,5 per mille). La seconda: viene utilizzata l’aliquota massima applicabile (10,6 per mille). “Con l’introduzione della Tares – si legge in una nota – l’aumento di questa tassa sui capannoni dovrebbe essere superiore, rispetto a quanto pagato l’anno scorso, del 15,5%. Questa percentuale corrisponde all’incremento del gettito medio nazionale necessario per coprire i costi totali del servizio di asporto e smaltimento dei rifiuti, condizione prevista dall’introduzione della Tares. La situazione diventa ancor piu’ preoccupante se osserviamo gli aumenti di imposta che si verificheranno quest’anno rispetto al 2011, anno in cui si applicava ancora l’Ici. Per il capannone da 500 mq l’aggravio (a seconda dell’aliquota applicata) varia tra i 1.409 e i 1.572 euro; per un capannone di 1.000 mq l’aumento va da 3.288 e 3.734 euro; infine, per un fabbricato da 2.000 mq l’incremento varia tra i 5.870 e i 6.583 euro. “Siamo tutti d’accordo che l’Imu sulla prima casa deve essere abolita o sensibilmente ridotta – esordisce Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre – ma e’ altrettanto necessario che venga scongiurato l’aumento del coefficiente moltiplicatore sui capannoni, altrimenti l’effetto combinato con la Tares provochera’ un incremento di imposta difficilmente sostenibile”. 

Print Friendly, PDF & Email