Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia: il paese del gioco d’azzardo

Italia: il paese del gioco d’azzardo

E’ la terza impresa del Paese con i suoi 76,1 miliardi di euro di fatturato legale, “cui vanno aggiunti, con una stima sicuramente approssimata per difetto, i 10 miliardi di quello illegale”. A denunciarlo e’ l’associazione ‘Libera’, che al fenomeno ha dedicato un voluminoso dossier dal titolo ‘Azzardopoli – il paese del gioco d’azzardo. Quando il gioco si fa duro… le mafie iniziano a giocare’. In Italia – sostiene l’associazione – si spendono circa 1.260 euro a testa l’anno, neonati compresi, per tentare il colpo che possa cambiare la vita tra videopoker, slot machine, gratta e vinci, sale Bingo. E se i giocatori a rischio sono calcolati in almeno due milioni, 800mila sono le persone dipendenti dal gioco d’azzardo. Una industria sempre in attivo, che non risente della crisi che colpisce il Paese e che non poteva non attirare l’attenzione della criminalita’ organizzata: sono 41 i clan che gestiscono “i giochi delle mafie” da Chivasso a Caltanissetta, passando per la via Emilia e la capitale. Con i soliti noti seduti al ‘tavolo verde’ dai Casalesi ai Mallardo, dai Santapaola ai Condello, dai Mancuso ai Cava, dai Lo Piccolo agli Schiavone. Le mafie sui giochi non vanno mai in tilt e si accreditano ad essere di fatto “l’undicesimo concessionario occulto del Monopolio”. Sono dieci le direzioni distrettuali antimafia che nell’ultimo anno hanno effettuato indagini: Bologna, Caltanissetta, Catania, Firenze, Lecce, Napoli, Palermo, Potenza, Reggio Calabria e Roma. E sono 22 le citta’ dove nel 2010 le forze di polizia hanno eseguito arresti e sequestri direttamente legati al fenomeno.
LIBERA: AZZARDO E’ NUOVA FRONTIERA CRIMINALITA’
“Ad Azzardopoli – si legge nel dossier – i clan fanno il loro gioco. Rien ne va plus. Si punta e si vince. E l’illegalita’ non conosce limiti.
Nel 2010 sono state 6.295 le violazioni riscontrate dalla Guardia di finanza: oltre 8mila le persone denunciate, 3.746 i videogiochi irregolari sequestrati (alla media di 312 al mese) e 1.918 i punti di raccolta di scommesse non autorizzate o clandestine scoperti, il 165% in piu’ rispetto all’anno precedente”. I sistemi per infiltrarsi nel circuito legale sono i piu’ fantasiosi, dalle sale bingo usate come “lavanderie” per il riciclaggio di soldi sporchi all’imposizione di noleggio di apparecchi, dalla gestione di bische clandestine al toto nero, dai prestiti usurari ai giocatori indebitati al racket delle slot machines. Fino all’acquisto da parte dei clan dei biglietti vincenti di Lotto, SuperEnalotto, Gratta e vinci, pagati con un sovrapprezzo dal 5 al 10%, altro canale privilegiato per ripulire il denaro.

Print Friendly, PDF & Email