Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Fisco: che anno sarà per le imprese e i professionisti il 2016?

Italia. Fisco: che anno sarà per le imprese e i professionisti il 2016?

Con la pubblicazione della legge di Stabilità per il 2016 (legge n. 208/2015) nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015, S.O. n. 70, entrano in vigore le novità previste per professionisti, imprese e contribuenti. La legge di Stabilità 2016, che consta di un unico articolo e 999 commi, entra in vigore il 1° gennaio 2016, fatte salve specifiche decorrenze previste dalle singole norme.

Pubblicata nel supplemento ordinario n. 70 alla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015 la legge di Stabilità 2016, contenente “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”.
Tante le novità che interessano professionisti e imprese: dal fisco al lavoro, dalla previdenza alle agevolazioni, dalle spese della Pubblica amministrazione alla disciplina degli enti locali.

Le disposizioni entrano in vigore dal 1° gennaio 2016, fatte salve alcune eccezioni tra cui:
– l’abbassamento dell’aliquota IRES, dal 27,5% al 24% che decorre dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016 (quindi, per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, dal 2017);
– l’addizionale IRES del 3,5% per le imprese del settore creditizio che decorre dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016 (quindi, per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, dal 2017);
– le nuove disposizioni in materia di allungamento dei termini di accertamento (relative alla notifica degli avvisi relativi alle rettifiche e agli accertamenti induttivi e all’omessa presentazione della dichiarazione equiparata alla dichiarazione nulla) che si applicano agli avvisi che decorrono dal periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2016 (quindi, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2017);
– alcune delle disposizioni introdotte in materia di note di variazione IVA che si applicano nei casi in cui il cessionario o committente sia assoggettato a una procedura concorsuale successivamente al 31 dicembre 2016 (in particolare, l’anticipo della detrazione alla data della procedura concorsuale e quelle relative alla disapplicazione dell’obbligo di registrare la variazione per la controparte contrattuale, nel caso di procedure concorsuali);
– la disciplina che differisce al 31 dicembre 2017 l’esecuzione del recupero dell’accisa dal soggetto obbligato al pagamento, estendendone di fatto l’ambito applicativo;
– la nuova disciplina fiscale dei contributi volontari ai consorzi obbligatori che si applica retroattivamente, ossia dall’esercizio in corso al 31 dicembre 2015;
– alcune delle modifiche alla dichiarazione precompilata che si applicano a partire dal periodo d’imposta 2015.

Print Friendly, PDF & Email